Terremoto Orvietano, sono 4 le famiglie sgomberate, scuole chiuse

Rimane nel comune di Castel Giorgio la situazione più complessa dopo la scossa di terremoto

Terremoto magnitudo 6 a Rieti, in Umbria soccorsi due contusi lievi

Terremoto Orvietano, sono 4 le famiglie sgomberate, scuole chiuse

«Quattro le famiglie sgomberate a Castel Giorgio e per il resto non ci sono grossi problemi, sono caduti intonaci e nemmeno cornicioni. Le scuole resteranno chiuse domani ad Allerona, Ficulle, Castel Giorgio Castel Viscardo, Fabro e Orvieto». Sono le parole del capo della protezione civile dell’Umbria, Alfiero Moretti, che ha, oggi pomeriggio, fatto parte del vertice presieduto dal prefetto di Terni. Rimane nel comune di Castel Giorgio la situazione più complessa dopo la scossa di terremoto registrata ieri sera alla quale ha seguito uno sciame sismico anche questa mattina. Sono infatti in corso verifiche tecniche per eventuali danni e lesioni su 20 abitazioni private, oltre che su quattro strutture pubbliche comunali. Dodici invece le abitazioni in cui si stanno svolgendo verifiche a Castel Viscardo. Nelle varie attività di verifica degli edifici – che proseguono in particolare dopo la scossa di terremoto avvertita questa mattina poco prima delle 11.30 di magnitudo 3.4, seguita da una di 2.6 e un’altra di 2. Tutte con epicentro in provincia di Viterbo – sono impegnate 24 vigili del fuoco di cui, dieci operative a Castel Giorgio, otto a Castel Viscardo e sei ad Orvieto. Qui – riferisce una nota del Comune – dopo la prima verifica di tutte le scuole della città’ effettuata compiuta, si stanno ripetendo gli accertamenti.

“Ho voluto recarmi nella zona interessata dal sisma – ha spiegato Paparelli – per verificare direttamente e personalmente i danni causati, ma anche per essere vicino alle popolazioni e agli amministratori locali. A tutti ho annunciato che al più presto la Regione Umbria inoltrerà al governo una precisa e dettagliata relazione relativa ai danni causati dal sisma, sulla base della quale richiederemo lo stato di calamità naturale”. Il vicepresidente dell’Umbria, Paparelli ha anche rivolto un ringraziamento ai vigili del fuoco ed a tutto il sistema della Protezione civile impegnati nei sopralluoghi ed ha sottolineato la tempestività dell”ttivazione del Com da parte del comune di Orvieto con tutti i comuni interessati.

Terremoto Orvietano

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*