Terremoto Orvietano, 4 edifici inagibili, dato in evoluzione

Volontari delle protezioni civili locali sul posto

+++ Aggiornamento +++

Terremoto Orvietano, 4 edifici inagibili, dato in evoluzione

“Orvieto è sotto controllo, nessun problema alle abitazioni dei privati. A Castel Viscardo ci sono 6 segnalazioni di cittadini, ancora da verificare. A Castel Giorgio i vigili del fuoco e l’ufficio tecnico hanno effettuato degli accertamenti e sembra che ci siano 4 abitazioni private inagibili. Chiuse le scuole e il dato è in evoluzione”.

Lo ha detto al telefono, il capo della protezione civile dell’Umbria, Alfiero Moretti. Il terremoto che ha interessato l’orvietano, ieri sera alle 22,24 è stato di magnitudo 4.1 e ha avuto come epicentro l’area compresa tra Castel Giorgio e Castel Viscardo. Quattro lievi repliche hanno, poi, fatto seguito, tra le 23:05 e l”1:35, al primo evento di ieri sera.

La protezione civile è attivata con le strutture locali di Castel Viscardo, Castel Giorgio e Ficulle, e ha impiegato 10 volontari, con loro anche i vigili del fuoco di Terni con circa 12 unità. Tanta paura, ma i danni sono contenuti, è fortunatamente nessuna persona è rimasta coinvolta nei crolli dei cornicioni. Proseguono, intanto, le verifiche statiche nelle strutture pubbliche tipo scuole inferiori e superiori. Ci sono chiamate anche per le strutture private. Un’ora fa un’altra scossa zona Acquapendente, dove è stata chiusa la chiesa di un monastero delle Clarisse. La scossa è stata avvertita anche a Perugia e a Siena.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*