Terremoto Norcia, un piccolo grande contributo da parte dei bambini di Prato

Non solo denaro però anche aiuti ‘materiali’

Terremoto Norcia, un piccolo grande contributo da parte dei bambini di Prato

Da Prato a Norcia, un piccolo grande contributo da parte dei bambini NORCIA – Si susseguono le manifestazioni di generosità da parte di gruppi spontanei di cittadini che decidono di destinare al Comune di Norcia dei segni tangibili della loro ‘vicinanza’, come la parrocchia ‘La Resurrezione’ di Prato, a nome dei suoi bambini del catechismo, ha donato oltre mille euro al Comune di Norcia.

“Vigili del fuoco che hanno operato a Norcia – racconta la signora Paola Taiti, responsabile del Gruppo Bambini della parrocchia di Prato – ci hanno raccontato la realtà quotidiana di Norcia e abbiamo voluto renderci utili. Raccontando l’esperienza ai bambini del catechismo, dagli 8 a 14 anni, sono stati subito colpiti e hanno deciso di loro spontanea volontà di rinunciare ad una merenda, ad un giocattolo o ad una pizza con gli amici, per aiutare i bambini di Norcia. Quando abbiamo raccontato ai bambini della nostra visita a Norcia e l’incontro con sindaco ed assessori – dice la signora Paola – erano tutti lì in silenzio ad ascoltare e commossi. Non vi abbandoniamo e torneremo presto a trovarvi”.

Non solo denaro però anche aiuti ‘materiali’ ed ecco che un gruppo di amiche di Perugia, denominato ‘il Gallinaio’ ha regalato un video proiettore mentre un gruppo di allevatori coordinati dal Comune di Torrile (Pr) ha fatto pervenire a Norcia un tir di rotoballe di fieno per gli allevatori di Norcia. A farsi carico del trasporto l’associazione sportiva Colorno San Polo FC, molto attiva sul territorio emiliano anche in opere di solidarietà.

“Dire grazie è poco: ogni giorno siamo contattati e riceviamo testimonianze di affetto da tutta Italia – dice l’Assessore Giuseppina Perla – Questa sensibilità scalda il cuore e ci tocca profondamente, rendendo meno difficoltoso il cammino che ci vede in prima fila ogni giorno, per il ritorno alla normalità”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*