Terremoto, la voce dei Nursini ospiti a Perugia VIDEO

La loro vita nel giro di pochi secondi è stata stravolta dal quel mostro che incombe dal 24 agosto

Indagine M5stelle, sfollati sisma, Regione paga alberghi solo mese novembre
IMMAGINE DI REPETORIO

Terremoto, la voce dei Nursini ospiti a Perugia PERUGIA – Insicurezza, paura, incertezza e tanta tristezza nei loro occhi. Hanno lasciato Norcia per Perugia. Sono i cittadini nursini, che dopo la violenta scossa di terremoto del 30 ottobre, hanno abbandonato la loro casa, la loro terra, il loro lavoro, la normale vita di sempre e si sono trasferiti nel capoluogo. Grazie a una convenzione stipulata tra la regione Umbria e le strutture ricettive ora si trovano in un albergo di Monteluce.

Passeranno l’ultimo giorno del 2016 a Perugia e non a casa loro, come è sempre avvenuto. Stanno lì dal mese di novembre. Lì vivono la loro vita. In quella struttura hanno passato il Natale. Sarà così anche per il Capodanno.

La loro vita nel giro di pochi secondi è stata stravolta dal quel mostro che incombe dal 24 agosto. Tra loro ci sono anche ragazzi, adolescenti, famiglie ed anziani. Sono fuggiti dalla Valnerina perché non potevano più restare lì. Tra loro c’è chi ha case lesionate che devono essere demolite, come il signor Adamo Marinelli che viveva nella zona industriale di Norcia e alle nostre telecamere ha lanciato un appello alle istituzioni affinché si possa ritornare presto a casa, perché Norcia è Norcia.

Un altro cittadino, durante la visita dell’assessore Bartolini, ha detto di aver perso oltre all’abitazione anche il lavoro, domanda e si domanda quando e se tutto tornerà normale.

In questa struttura che anche la signora Eulalia che ha raccontato ai nostri microfoni di trovarsi bene, ma che non può e non vuole tornare a casa, perché fa male.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*