Terremoto, la sequenza sismica in Italia centrale a un mese dal suo inizio [VIDEO]

La sequenza è ancora in pieno svolgimento, pur con un numero minore di repliche

Terremoto Centro Italia, effetti in superficie rilevati dal gruppo EMERGEO-INGV

Terremoto, la sequenza sismica in Italia centrale a un mese dal suo inizio. Un mese dopo l’inizio della sequenza dell’Italia centrale, iniziata con il terremoto di magnitudo 6.0 avvenuto nella notte tra il 23 e il 24 agosto, continuano gli studi dei sismologi e geologi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV).

La sequenza in Italia centrale dal 24 agosto al 23 settembre ore 12

La sequenza è ancora in pieno svolgimento, pur con un numero minore di repliche (aftershocks) rispetto alle prime due settimane. A oggi la Rete Sismica Nazionale dell’INGV ha localizzato complessivamente circa 11500 repliche, in un’area che si estende per circa 40 chilometri in direzione NNO-SSE, lungo la catena appenninica. 200 terremoti di magnitudo compresa tra 3.0 e 4.0; 14 quelli localizzati di magnitudo compresa tra 4.0 e 5.0 e uno di magnitudo maggiore di 5.0 oltre quello principale.

Andamento temporale della sequenza sismica dal 24 agosto al 23 settembre.

In blu i primi dieci giorni, in giallo i dieci giorni successivi, in arancio gli ultimi dieci giorni.

terremoto

Tutti i dati acquisiti dalle reti sismiche e accelerometriche sono stati messi a disposizione della comunità scientifica per studi e ricerche. I dati registrati dalle stazioni della Rete Sismica Nazionale (RSN) e dalle stazioni temporanee installate dopo il terremoto sono disponibili nell’archivio EIDA (European Integrated Data Archive). I datiaccelerometrici della RSN sono disponibili nel database Strong-Motion dell’INGV (http://esm.mi.ingv.it). Per quanto riguarda le stazioni della Rete Accelerometrica Nazionale(RAN) del DPC, i dati originali sono disponibili sul sito web della RAN.

Link al Blog INGVterremoti:

https://ingvterremoti.wordpress.com/2016/09/23/la-sequenza-sismica-in-italia-centrale-a-un-mese-dal-suo-inizio-un-aggiornamento-sugli-studi-in-corso/

 

 

 

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*