Terremoto, Basilica di Norcia, al via la messa in sicurezza VIDEO

Superata la quota di 100mila interventi effettuati dai vigili del fuoco

Terremoto, Basilica di Norcia, al via la messa in sicurezza VIDEO

Terremoto, Basilica di Norcia, al via la messa in sicurezza. Senza sosta l’intervento dei “caschi rossi” per la salvaguardia del patrimonio culturale: si lavora a Norcia per la messa in sicurezza della facciata della basilica di San Benedetto e della torre civica. E’, infatti, ufficialmente cominciata l’opera per mettere in sicurezza la facciata della basilica di San Benedetto di Norcia: lo rende noto Marica Mercalli, soprintendente alle Belle arti dell’Umbria. “Sarà realizzata una specie di gabbia esterna alla facciata che sia contenitiva di quella che è ormai una vela”, spiega la Soprintendente. “Stiamo dando esecuzione – continua Mercalli – al progetto realizzato da un ingegnere strutturista esterno al ministero dei Beni culturali, ma sono gli uomini dei vigili del fuoco a provvedere all’installazione della struttura”. La “gabbia” verrà realizzata con tubi innocenti e assi in legno e coprirà l’intera porzione della facciata, sia in altezza che in larghezza. “Terminata questa struttura – spiega ancora Mercalli – verrà messa in sicurezza la parte posteriore della facciata della basilica, dopo aver rimosso le macerie”.


Umbria Journal TVIl Tg a portata di click

Superata la quota di 100mila interventi effettuati dai vigili del fuoco per il terremoto che ha colpito il Centro Italia. Oltre 1.200 gli interventi al giorno. Sono 59.400 i sopralluoghi e le verifiche fatti dai tecnici del Corpo sulle strutture, 1.380 gli interventi di copertura di tetti danneggiati e 364 le opere provvisionali di puntellamento. Ancora nel cratere sono presenti 1.322 vigili del fuoco, con 637 mezzi di soccorso, tra cui 4 elicotteri. Questi sono i dati forniti dal Centro operativo nazionalE. L’opera dei vigili del fuoco continua a concentrarsi sull’assistenza alla popolazione, con 24.700 operazioni svolte finora per il recupero di beni dalle abitazioni lesionate e dalle attività commerciali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*