Terremoto 6.5, sul Monte Bove osservata rottura cosismica primaria

Due geologi del gruppo EMERGEO trovano rigetto di cinquanta metri

Terremoto 6.5, sul Monte Bove osservata rottura cosismica primaria

Terremoto 6.5, sul Monte Bove osservata rottura cosismica primaria MONTE BOVE – Due geologi del gruppo EMERGEO dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Marco Moro e Michele Saroli (DICeM-Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, associato all’INGV) hanno raggiunto il versante sud occidentale di Monte Bove Sud in corrispondenza dell’espressione di superficie della faglia responsabile del terremoto di magnitudo 6.5 del 30 ottobre scorso.

È stata osservata la rottura cosismica primaria che presenta un rigetto di circa cinquanta centimetri, diretta espressione in superficie del movimento del piano di faglia in profondità.

La rottura cosismica individuata si localizza sul prolungamento del lineamento tettonico Monte Vettore-Monte Porche-Monte Bove attivatosi durante l’evento di magnitudo 6.5. Il gruppo EMERGEO sin dal 24 agosto è impegnato in rilievi di terreno atti ad identificare e caratterizzare, da un punto di vista geometrico e cinematico, i settori di faglia responsabili della sequenza sismica in corso.

Deformazioni cosismiche

Deformazioni istantanee e permanenti della superficie terrestre causate dai terremoti: abbassamenti ed innalzamenti del terreno, rotture di pendio, scarpate di faglia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*