Spacciatore abitale di cocaina, finisce in carcere di Perugia per la terza volta

Effettuava gli scambi droga e denaro con i clienti abituali a bordo della loro auto

Spacciatore abitale di cocaina, finisce in carcere di Perugia per la terza volta PERUGIA – L’accusa, per lui, è quella di essere uno spacciatore abituale di cocaina e la sua tecnica, per eludere i controlli della Polizia, è quella di effettuare gli scambi droga – denaro con i clienti abituali a bordo della loro auto. Le prove sono le attività compiute dagli agenti delle Volanti e del Reparto Prevenzione Crimine ieri pomeriggio a Fontivegge. Ai poliziotti non era sfuggita la tendenza degli spacciatori ad evitare i controlli in atto in zona e a incontrarsi con i clienti in luoghi meno battuti dalle forze di polizia. Ecco che il tunisino 30enne viene notato, tenuto d’occhio dagli agenti, dirigersi a piedi verso via Piccolpasso.

Qui la mossa attesa: dopo un cenno di saluto con due giovani, sale a bordo della loro auto. I poliziotti decidono di fermarlo e lui fugge a piedi: fa poca strada, raggiunto ed ammanettato poco lontano dai poliziotti a cui ha opposto resistenza. Una dose di cocaina lasciata andare durante l’inseguimento e quasi mille Euro in contanti nelle sue tasche: le prove dello spaccio consumato. Per lui si aprono le porte del carcere, per la terza volta, con il terzo nome diverso che fornisce ai poliziotti.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*