Si sente male in auto a Norcia, salvato dai Carabinieri

L'uomo è stato d'urgenza trasportato in ospedale

Tre teschi umani trovati una cantina a Norcia dai Vigili del Fuoco e Carabinieri

Si sente male in auto a Norcia, salvato dai Carabinieri. NORCIA – Continua incessantemente l’opera di soccorso e assistenza alla popolazione svolta dai Carabinieri nei territori della Valnerina colpiti dal terremoto. Nell’ambito dei numerosi servizi contro i reati predatori che i militari dell’Arma svolgono nell’intero arco giornaliero nei comuni di Norcia, Cascia e Preci, con i rinforzi giunti dalla 1° Brigata Mobile per l’emergenza, infatti, nel tardo pomeriggio di ieri, una pattuglia impiegata nel centro nursino notava un’automobile che non riusciva a tenere la strada e che si accostava quindi a lato di questa.

Dalla macchina scendeva una donna che, in preda al panico, faceva cenno ai militari di fermarsi. Gli operanti si avvicinavano quindi al mezzo e notavano che, seduto al posto guida, vi era un uomo accasciato sul volante che delirava dal dolore e riferiva di aver un fortissimo mal di testa. Capita la gravità della situazione, senza ulteriore indugio, i Carabinieri decidevano di non attendere l’arrivo dell’autombulanza e di portare immediatamente l’uomo presso il vicino posto di primo soccorso a Norcia.

Pertanto, mentre uno dei due operanti si prodigava con l’auto di servizio a fare da apripista con sirene e lampeggianti accesi, l’altro si metteva alla guida della macchina privata e conduceva quanto prima il malato e la consorte al citato nosocomio.

Giunti sul posto, i medici eseguivano i primi accertamenti e riferivano che, visti i sintomi manifestati dall’uomo e la gravità del dolore, poteva trattarsi di un’ischemia celebrale e pertanto provvedevano a eseguire i dovuti trattamenti. Come riferito dai medici, le successive analisi permettevano di appurare che l’uomo avesse subito un malore di minore gravità ma sicuramente scongiurato da ulteriori complicazioni, grazie all’intervento tempestivo dei Carabinieri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*