Sembrava persona per bene, anziana truffata a Perugia

Si presenta come impiegato del comune e si fa consegnare monili e preziosi

Sembrava persona per bene, anziana truffata a Perugia

Sembrava persona per bene, anziana truffata a Perugia. Ha suonato alla porta verso le undici di ieri mattina presentandosi come impiegato del Comune. Le fattezze eleganti ed il fare cortese non avrebbero mai fatto pensare ad un’anziana perugina di 83 anni residente nella zona di Ferro di Cavallo, che quell’uomo non fosse chi diceva di essere e, per questo, non ha esitato ad aprire la porta e farlo entrare.

Una volta introdottosi nell’abitazione, l’uomo le ha spiegato di essere stato incaricato dal Comune di registrare i monili preziosi dei cittadini e le ha chiesto di consegnargli quello che aveva. La donna, seppur disorientata da quella richiesta, si è tolta i preziosi che indossava ed ha consegnato altresì le fedi nuziali propria e del defunto marito. Ma, una volta messe le mani sul bottino, l’uomo si è dileguato.

La donna, rimasta sola e piena di dubbi, ha chiamato il figlio che, compresa la reale natura dei fatti, ha sporto denuncia negli Uffici della Questura. L’episodio offre l’occasione per richiamare nuovamente l’attenzione su di un fenomeno, quale quello delle truffe agli anziani, che miete un numero crescente di vittime. La pluralità degli espedienti utilizzati dai truffatori deve indurre alla massima prudenza tenendo sempre presente che, in caso di dubbio, è sempre possibile contattare il numero di emergenza 113.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*