Scroccone friulano pernotta in hotel, ma scappa senza pagare

Denunciato dalla polizia di Assisi per insolvenza fraudolenta e furto.

Abusi su minore di 6 anni, Polizia arresta due persone a Terni

Scroccone friulano pernotta in hotel, ma scappa senza pagare

Sono frequenti i casi di clienti di alberghi che lasciano le proprie stanze trovando il modo fraudolento per non pagare, ma più rari sono episodi come quello accaduto ad Assisi pochi giorni fa.

Davanti agli agenti del Commissariato P.S. Assisi, diretto dal Comm. Capo Francesca D. DI LUCA, il titolare di un’attività ricettiva di Santa Maria degli Angeli ha denunciato l’avvenuta insolvenza e il consumato furto perpetrato ai suoi danni da parte di un uomo, giunto nella città serafica in compagnia della sua più fidata complice, YUMA un cane di razza dalmata.

L’uomo, un 36 enne di origini friulane, si presentava presso la locanda chiedendo l’ospitalità per sé e per il suo cane, per un paio di notti. Pur non ricevendo solitamente animali, l’albergatore dietro corrispettivo di un supplemento decideva di dare a suoi ospiti una stanza con un terrazzino, confortevole anche per le necessità del cane.

Pattuita la somma, l’uomo prometteva che avrebbe pagato l’indomani all’arrivo del padre che sarebbe dovuto giungere ad Assisi con il treno per rimanere in albergo con lui qualche giorno in più.

Già insospettito dall’atteggiamento poco chiaro dell’uomo, il titolare trovava conferma ai propri dubbi quando l’indomani mattina trovandosi a passare lungo la stazione ferroviaria, notava il suo ospite in compagnia del Dalmata mentre camminava dando però l’impressione di chi non sapesse dove andare.

Pensando a quel punto che stesse aspettando il padre, l’albergatore decideva di fermarlo e chiedergli dell’arrivo del genitore che a suo dire sarebbe dovuto giungere nel tardo pomeriggio.

Verso sera però, il titolare, nel frattempo rientrato nel suo hotel, avvertiva dei forti rumori provenienti proprio dalla stanza del friulano, per cui credendo che fosse arrivato il padre decideva poco dopo di andare a controllare. Una volta arrivato alla stanza, trovava la porta spalancata e all’interno uno scenario inquietante. L’ospite era scappato portando via con sé tutte le sue cose compreso il televisore al plasma della stanza, letteralmente scardinato dalla parete.

E come ogni buon ladro che si rispetti a lasciare la propria firma è stata la sua complice canina. In ogni suo angolo, la stanza era piena infatti di escrementi del Dalmata.

L’uomo, rintracciato al telefono dall’albergatore, con arroganza e strafottenza asseriva di non dovere nulla a nessuno anzi alzando la voce minacciava l’albergatore che se avesse continuato con le sue false accuse sarebbe stato lui a denunciarlo e fargli chiudere l’attività.

A seguito dell’alterco, non ricevendo più notizie del suo gradito ospite, l’albergatore decideva quindi di rivolgersi agli agenti del Commissariato, che dopo i primi approfondimenti scoprivano di avere a che fare con un vero e proprio “scroccone” seriale.

Gli accertamenti compiuti permettevano infatti di scoprire che l’uomo, pluripregiudicato con alle spalle precedenti per furto, minaccia e oltraggio a p.u., danneggiamento, falso e truffa, aveva collezionato dal 2010 fino ad oggi ben 27 denunce per insolvenza fraudolenta perché girando per il Trentino e il Veneto, da Canazei a Belluno, da Asiago a Coneggiano, l’uomo si intratteneva in alberghi confortevoli e pasteggiava in centralissimi ristoranti in compagnia del suo cane, trovando però sempre il modo fraudolento di non saldare il conto.

Scroccone divenuto così tanto noto da occuparsi di lui persino un’associazione di categoria del Nord Italia che dopo averlo “schedato” come ospite non gradito, ha diffuso l’allarme tra i suoi iscritti.

Gli agenti del Commissariato di Assisi non hanno potuto far altro che arricchire il suo lungo curriculum con la 28esima denuncia per insolvenza fraudolenta e furto. Per lui pronto anche il provvedimento di ritorno nel Comune di Assisi per la durata di 3 anni. A farla franca, come al solito, soltanto la sua complice più fidata, Yuma.

Scroccone seriale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*