Rubano 3 bottiglie di “whisky” al Conad di Ponte San Giovanni, fermati due ladri

I due malviventi erano riusciti a rubare i tre superalcolici senza che il personale del negozio si accorgesse di nulla

Rubano 3 bottiglie di “whisky” al Conad di Ponte San Giovanni, fermati due ladri

Rubano 3 bottiglie di “whisky” al Conad di Ponte San Giovanni, fermati due ladri. Nell’ultimo periodo la compagnia carabinieri di Perugia ha rinforzato il dispositivo di prevenzione sul territorio di Ponte San Giovanni, garantendo 24 ore su 24 pattuglie  con  il compito non solo di reprimere i reato predatori (furti, rapine, scippi) ma anche incrementare la percezione della sicurezza tra la cittadinanza in un’ area urbana della città di Perugia molto sensibile. L’importante dispositivo prevede l’impiego dei militari della stazione e della C.I.O. del 6° Battaglione “Toscana” di Firenze.

E proprio grazie a questi servizi che poco sfugge a l’occhio vigile dei carabinieri, a tal punto che le vittime dei reati si accorgono di aver subito un furto solo quando alla loro porta bussano i carabinieri per restituire la refurtiva. E’ successo ieri mattina: durante una perlustrazione nei pressi della stazione ferroviaria di Ponte San Giovanni i militari si accorgono di due rumeni, conosciuti peraltro per i loro precedenti penali, che con fare sospetto si aggirano tra i passeggeri; immediato il controllo dei carabinieri che constatano che i due avevano con se tre bottiglie di Jack Daniels ancora sigillate.

Insospettiti, i militari approfondiscono chiedendo ai due romeni dove le avessero prese, ma le conseguenti risposte evasive fanno sorgere alcuni dubbi agli investigatori. Nei dintorni viene accertato che c’è un Conad, qualche verifica alle registrazioni del sistema di videosorveglianza del supermercato ed ecco sciolto ogni dubbio: i due malviventi erano riusciti a rubare i tre superalcolici senza che il personale del negozio si accorgesse di nulla. Furto aggravato è il reato di cui dovranno rispondere i due delinquenti innanzi all’autorità giudiziaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*