Ruba metadone al Sert, denunciato quattro flaconi da un litro

Operazione condotta dai Cadabinieri e dalla Polizia di Stato

Ruba metadone al Sert, denunciato quattro flaconi da un litro

ORVIETO – I militari della Compagnia Carabinieri di Orvieto in collaborazione con il personale del locale Commissariato di Polizia hanno deferito in stato di libertà per furto aggravato e detenzione di sostanze stupefacenti un 42enne del posto.

Gli operanti infatti, grazie ad una serie di immediati accertamenti svolti congiuntamente, rinvenivano e sequestravano, ben nascosti dietro vari scatoloni nel garage dell’abitazione dell’uomo, già pregiudicato per la commissione di analoghi reati, 4 flaconi di metadone da un litro ciascuno che lo stesso aveva rubato il giorno di capodanno dal locale S.E.R.T..


Il metadone (noto con diversi nomi tra cui: Polamidon, Eptadone, Dolophine, ecc,) è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l’assuefazione nella terapia sostitutiva della dipendenza da stupefacenti. È stato sintetizzato in Germania nel 1937; pur chimicamente differente dalla morfina o dall’eroina, agisce come queste primariamente sul μ-recettore degli oppioidi (agonista puro) con effetti clinici simili. Il metadone è utilizzato utilmente nel controllo del dolore cronico per la sua lunga durata d’azione ed il basso costo. Inoltre, da molti anni, viene usato nel trattamento della dipendenza da oppiacei, pur essendo noto il suo potenziale rischio di dipendenza e tolleranza farmacologica. La sindrome di astinenza da metadone, pur qualitativamente simile a quella della morfina, ha un esordio più lento ma più prolungato e con una sintomatologia simile. Nel 2005 l’Organizzazione mondiale della sanità (WHO) lo ha incluso nella lista dei farmaci essenziali;[1] ciò, anche, per la ben documentata efficacia nella terapia delle tossicodipendenze.[2]

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*