Rissa al carcere di Orvieto, ferito agente penitenziario

Resta alta la tensione nelle carceri regionali dell’Umbria

Rissa al carcere di Orvieto, ferito agente penitenziario

Rissa al carcere di Orvieto, ferito agente penitenziario ORVIETO – Resta alta la tensione nelle carceri regionali dell’Umbria. Dopo i gravi episodi accaduti negli ultimi giorni nelle strutture detentive di Terni e Perugia Capanne, è ora l’istituto a custodia attenuata di Orvieto a fare da scenario all’ennesima pericolosa dimostrazione di intolleranza tra le celle da parte di alcuni detenuti, che hanno ferito anche un Agente di Polizia Penitenziaria.

Ricostruisce i fatti Fabrizio Bonino, segretario nazionale per l’Umbria del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE: “Ieri notte, alle 3 circa, tre detenuti italiani, tutti ristretti per rapina aggravata, con fine pena che vanno dal 2018 al 2020, si sono resi responsabili di una rissa e di gravi danneggiamenti ai beni dell’amministrazione, distruggendo completamente la cella che abitavano. Nel tentativo di sedare la rissa uno dei poliziotti penitenziari intervenuti, precisamente un sovrintendente, ha riportato lesioni guaribili in 7 giorni così come refertato dal pronto soccorso dell’ospedale di Orvieto. Il comandante e il direttore dell’istituto, da me interpellati, hanno assicurato immediati e severissimi provvedimenti, vista anche la natura dell’istituto ed il patto trattamentale sottoscritto dai ristretti. Al sovrintendente ferito va la solidarietà e la vicinanza del Sappe”.

Donato CAPECE, segretario generale del SAPPE, sollecita Ministro e Capo DAP a intervenire sulle criticità penitenziarie dell’Umbria,: “Questa di Orvieto è l’ennesimo grave e intollerabile evento critico che vede coinvolto un carcere penitenziario della Regione Umbria, per di più con la grave aggressione ad un poliziotto penitenziario, al quale va la nostra solidarietà. La situazione nelle nostre carceri resta allarmante, nonostante si sprechino dichiarazioni tranquillanti sul superamento dell’emergenza penitenziaria: la realtà è che i nostri poliziotti continuano ad essere aggrediti senza alcun motivo o ragione. E da quando sono stati introdotti vigilanza dinamica e regime penitenziario aperto, con detenuti fuori dalle celle per almeno 8 ore al giorno con controlli sporadici e occasionali, gli episodi di violenza contro i poliziotti sono aumentati. Eppure, è solamente grazie ai poliziotti penitenziari, gli eroi silenziosi del quotidiano a cui va il ringraziamento del SAPPE per quello che fanno ogni giorno, se il numero delle tragedie in carcere è fortunatamente contenuto. Ma è evidente a tutti che è necessario intervenire con urgenza per fronteggiare le costanti criticità penitenziari, a cominciare da un serio e approfondito esame delle criticità della Regione Umbria, che ha visto in pochi giorni al centro delle cronache le carceri di Orvieto, Terni, Perugia Capanne”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*