Rissa a scuola tra italiani e immigrati, ferito insegnante

Gli stranieri sono dei profughi e sono ospiti di due comunità

Rissa a scuola tra italiani e immigrati, ferito insegnante

Ieri mattina durante una normale lezione, all’improvviso e per futili motivi, si è scatenata una rissa inaudita all’Istituto tifernate “Patrizi- Baldelli – Cavallotti”. Quattro ragazzi egiziani, minorenni e in affido ad una locale comunità, hanno malmenato un italiano. La lite è poi degenerata arrivando alle mani, tra i docenti intervenuti per sedare la rissa, uno ha riportato la frattura di un pollice mente una studentessa è addirittura svenuta. Sul posto sono prontamente intervenuti i Carabinieri e sono scattate le denunce. Questa mattina il Consigliere Regionale (Lega Nord) Valerio Mancini assieme al Consigliere Comunale Marcello Rigucci si sono recati presso l’Istituto tifernate “Patrizi- Baldelli – Cavallotti”, incontrandone i dirigenti.

“Quanto si è verificato ieri all’Istituto Cavallotti – spiega il Consigliere Regionale Lega Nord Valerio Mancini – non ha niente a che vedere con l’eccellenza della scuola superiore, che ha sempre svolto adeguatamente un ottimo lavoro. La responsabilità di quanto successo è in capo alla politica: il tentativo assurdo di integrare tutto e tutti, ad ogni costo, provoca fatti che possono avere conseguenze ben più gravi rispetto a quella di ieri. Basta con la politica dell’accoglienza, l’Egitto non mi risulta sia in guerra, anzi è uno stato indipendente e sovrano per questo che i quattro studenti devono essere vanno rimandati a casa loro, non sono certo vittime di conflitti.

Gli alunni che hanno provocato la rissa – conclude Mancini – sono stati giustamente sospesi per 15 giorni, ma ci chiediamo come sarà il clima quando rientreranno, considerato che non sono estranei a certi comportamenti e, come scritto anche in una lettera aperta dalla Preside della scuola, sono immigrati ,senza famiglia e giunti in Italia con i barconi. Immaginatevi cosa sarebbe successo se fossero stati quattro ragazzi italiani a malmenare uno straniero; cosa avrebbero cosa le istituzioni?” “Da parte della Lega Nord – aggiunge il consigliere Marcello Rigucci – ci sarà una costante vigilanza anche dopo il 21 Maggio perché atti del genere turbano la nostra comunità e non vogliamo che ciò accada. Sarà mia premura sollevare la questione nel prossimo consiglio comunale”.

Intanto la dirigente scolastica ha sospeso dalle lezioni per 15 giorni i protagonisti della violenta lite. In pronto soccorso dove erano stati portati i feriti
sono stati fatti giungere i carabinieri e poi nel pomeriggio stesso presso il comando stazione tifernate è stata presentata una dettagliata relazione sull’episodio e chiaramente adesso scattano le indagini preliminari da parte dei rappresentanti dell’Arma in quanto un ragazzo ha avuto lesioni con una prognosi superiore ai 20 giorni.

Rissa

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*