Rifiuti, controlli aree industriali della regione, 12 persone deferite [VIDEO]

Contestato lo smaltimento illecito di rifiuti mediante incenerimento ed il deposito incontrollato di rifiuti

Rifiuti, controlli aree industriali della regione,  12 persone deferite. PERUGIA – Nel corso dei mesi di luglio-settembre è stata effettuata su tutto il territorio regionale, da Sottufficiali e Agenti dei Comandi Stazione del Corpo forestale dello Stato, una attività di controllo che ha riguardato le aree industriali della regione per contrastare le inadempienze e le irregolarità ambientali, in particolare relativamente alla gestione dei rifiuti pericolosi e non ed al loro corretto smaltimento.

I controlli hanno riguardato in particolare aziende operanti in attività che danno luogo a produzione di rifiuti speciali anche pericolosi, principalmente nel settori meccanico, autofficine, carpenterie, produzione di materie plastiche, galvanizzazione. Sono state soggette a controllo complessivamente 164 (centosessantaquattro) aziende, sia industriali che artigianali, rilevati illeciti penali che hanno determinato la redazione di 11 comunicazioni di notizia di reato con deferimento di dodici persone alla competente Autorità Giudiziaria, inoltre elevate trentotto sanzioni amministrative per un importo complessivo di circa 67.000 euro. Oltre alla irregolare gestione dei rifiuti sono state accertate, in due casi, irregolarità inerenti lo scarico di acque reflue inquinanti senza autorizzazione.


Umbria Journal TVIl Tg a portata di click

In provincia di Perugia sono stati effettuati 106 (centosei) controlli, in particolare su ditte ubicate nel comprensorio perugino ed altotiberino. Sono state effettuate sette comunicazioni di notizie di reato all’A.G. con deferimento di otto persone. Gli illeciti penali accertati in un caso il deposito incontrollato e gestione illecita di rifiuti, in quattro casi l’abbandono e il deposito incontrollato di rifiuti speciali pericolosi, due denunce hanno riguardato lo scarico di acque reflue industriali in pubblica fognatura in assenza delle prescritte autorizzazioni.

Le sanzioni amministrative elevate in numero di trentuno per l’importo complessivo di 39.650,00 euro hanno riguardato la mancanza o inesatta compilazione dei registri di carico e scarico dei rifiuti, la mancata comunicazione dei dati prevista, la violazione delle prescrizioni contenute nelle autorizzazioni.

In provincia di Terni sono risultati 58 (cinquantotto) i controlli effettuati, in particolare nel comprensorio ternano ed amerino, in alcuni casi in collaborazione con A.R.P.A. Umbria Sezione Territoriale Sud. A seguito di illeciti penali accertati sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria i titolari di quattro aziende, di cui due operanti nel capoluogo, in località Maratta. In specifico presso una ditta che esercita attività di recupero di rifiuti speciali e urbani gli illeciti hanno riguardato il deposito incontrollato dei rifiuti ed inosservanze alle prescrizioni autorizzative.

Nell’altro caso nella stessa area, è stato contestato lo smaltimento illecito di rifiuti mediante incenerimento ed il deposito incontrollato di rifiuti. I rimanenti reati accertati hanno portato all’applicazione di ulteriori due comunicazioni di notizia di reato alla competente Autorità Giudiziaria a carico di due indagati, uno per deposito incontrollato di rifiuti nell’amerino, l’altro nel ternano per illecito scarico di acque reflue industriali, ed un sequestro penale di materiali ferrosi misti.

Le sanzioni amministrative elevate per un importo di 26.734,00 euro complessivi hanno riguardato essenzialmente violazioni agli obblighi di compilazione dei registri di carico scarico dei rifiuti, mancata comunicazione annuale dei dati, in un caso l’omessa consegna a centri di rottamazione autorizzati di veicoli a motore fuori uso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*