Ponte San Giovanni, Via Etrusca: un…colabrodo indecente e pericoloso

Via Etrusca a Ponte San Giovanni dovrebbe essere una via privilegiata

Ponte San Giovanni, Via Etrusca: un…colabrodo indecente e pericoloso
Da Gino Goti
PONTE SAN GIOVANNI – Via Etrusca a Ponte San Giovanni dovrebbe essere una via privilegiata e degna di particolari attenzioni: primo perché potrebbe ripercorrere un tratto di strada che anticamente  dall’Ipogeo dei Volumni conduceva a Perugia, secondo perché è ancora oggi una strada “preziosa” come scorciatoia per la città e perché vicinissima alle testimonianze etrusche della necropoli del Palazzone, zona molto frequentata soprattutto da turisti stranieri attirati dalle antichità di Perugia e dintorni. Invece le attenzioni che sono rivolte a questa strada sono carenti e lo testimoniano una serie continua di buche-piccoli crateri profondi anche più di 10 centimetri lungo una traccia di lavori per la posa di qualche cavo o di qualche tubo.

Gli Etruschi hanno lasciato, e sono ancora evidenti sotto la Cattedrale di San Lorenzo a Perugia,  testimonianze delle loro strade e delle loro costruzioni: perfette e funzionali. Che direbbero delle strade a loro intitolate e lasciate nel più completo abbandono dalla trascuratezza di chi dovrebbe garantire la sicurezza oltre che il decoro di una strada molto transitata dai residenti ma anche da turisti e da chi, conoscendola, la utilizza per raggiungere Perugia per motivi di lavoro o di svago? Sappiamo di certo che gli etruschi tenevano molto al territorio ed erano “obbligati” a curarlo direttamente per essere in linea con quello che le istituzioni provvedevano a fare per quanto di loro competenza.

I residenti di via Etrusca più volte provvedono a raccogliere cartacce o quanto altro automobilisti maleducati gettano dal finestrino, magari quando il passaggio a livello è chiuso, potano i rami che sporgono sulla strada e tappano anche qualche buca, ma tutto non possono fare quando i danni della carreggiata sono troppo grossi o meglio profondi.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*