Polfer Foligno, si rifiuta di fornire generalità, ma cambia idea

COME IN LO CHIAMAVANO TRINITÀ, CON IL "GIUSTO SOLLECITO", DIVENTA LOQUACE

Polfer Foligno, si rifiuta di fornire generalità, ma cambia idea. Come in Lo chiamavano Trinità, con il "giusto sollecito, diventa loquace

Polfer Foligno, si rifiuta di fornire generalità, ma cambia idea Polfer Foligno, si rifiuta di fornire generalità, denunciato. Potrebbe essere il singolare titolo di un semplice controllo in treno che si è trasformato in una scena di un noto film della serie “spaghetti western”, Lo chiamavano Trinità. Un viaggiatore straniero è stato controllato in treno dal personale delle Ferrovie. In quel frangente lo straniero, “non dice nulla”, freddissimo, ha semplicemente affermato di non essere in possesso del titolo di viaggio, e cioè del biglietto.

E’ stato quindi accompagnato presso gli Uffici della Polizia Ferroviaria folignate ove gli agenti hanno iniziato gli accertamenti e le contestazioni di rito. A questo punto lo straniero ha fornito le sue generalità e sono scattati gli approfondimenti. E’ stato in questo istante che il novello “Emiliano”, dopo aver compreso la situazione in cui s’è trovato ha cambiato totalmente la sua dichiarazione e ha cominciato a “dire tutto”. E così, dopo aver preso i documenti, ha ufficializzato la sua reale identità. Per lui è scattata la denuncia per rifiuto di fornire generalità e false attestazioni di identità a Pubblico Ufficiale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*