Primi d'Italia

Il Perugia Calcio querela ex assessore Stefano Vinti [VIDEO]

Il Presidente Santopadre non ha gradito ha quanto pronunciato dall'ex assessore in tv

Il Perugia Calcio querela ex assessore Stefano Vinti

Il Perugia Calcio querela ex assessore Stefano Vinti

La notizia è stata data dalla stessa società biancorossa attraverso una nota pubblicata sul proprio sito internet nella serata del 30 aprile. Pubblichiamo qui il testo integrale della nota:

L’AC Perugia Calcio nella persona del presidente Massimiliano Santopadre ha atteso la fine del match Perugia-Bari, in quanto partita fondamentale per il proseguo della stagione, a comunicare che, dopo aver preso visione sui social network le dichiarazioni dell’assessore Stefano Vinti all’interno di una rete televisiva umbra, dichiara che si dissocia in modo assoluto da frasi che incitano alla violenza contro questa società (usati termini d’istigazione come “assedio” e “sassate” contro noi stessi). Si dissocia altresì dagli ospiti presenti durante la trasmissione in quanto non si sono opposti a quelle dichiarazioni.

Solitamente determinati atteggiamenti, all’interno dello stadio, sarebbero puniti con i Daspo e ci auguriamo che le autorità competenti diano attenzione alle frasi e alle cose dette e riescano a prendere provvedimenti contro determinati personaggi.

Intanto tuteleremo la nostra immagine con la querela controlli sig. Stefano Vinti attraverso il nostro studio legale Calvieri e associati. Credo sia doveroso da parte di questa persona scusarsi pubblicamente non solo dinanzi alla propria città, di cui ne è stato un’importante rappresentante, ma di fronte a tutti quei giovani che vedono lo sport come modello da seguire.

Perugia Calcio

Queste le parole di Vinti
“Quando ero ragazzo io e le cose non andavano bene in Curva Nord c’era un grido: ‘Assedio’ e via si partiva dal Santa Giuliana e al Curi, assedio. E lì bisognava far capire all’allenatore del Perugia, alla società, ai giocatori che i tifosi non erano affatto soddisfatti. Adesso In una città che si è sviluppata, che la sua storia, che è stata quella che si faceva a sassate qui, questo è sicuro”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*