Per le loro vacanze all’estero usavano la legge 104, due dipendenti a Todi nei guai

È quanto accertato dai finanzieri della Tenenza di Todi sul conto di due dipendenti pubblici

Per le loro vacanze all’estero usavano la legge 104, due dipendenti a Todi nei guai. Attestavano la necessità di dover assistere propri congiunti affetti da gravi forme di disabilità per usufruire di permessi di assenza dal lavoro, regolarmente retribuiti, previsti dalla nota “Legge 104/1992”, ma, in realtà, si recavano in vacanza nelle principali capitali europee.

È quanto accertato dai finanzieri della Tenenza di Todi sul conto di due dipendenti pubblici, uno impiegato presso il Comune tuderte e l’altro presso l’Azienda Unità Sanitaria Locale Umbria 1, al termine di un’articolata attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Spoleto e svolta in stretta collaborazione con gli Enti di appartenenza.

Le Fiamme Gialle hanno rilevato come i due dipendenti richiedessero, abitualmente, ai propri uffici, la concessione di 2/3 giorni consecutivi di permesso retribuito ex L. 104/92 “agganciandoli” a giorni di ferie e/o a riposi settimanali.

Incrociando i dati relativi ai periodi di assenza così cumulati con quelli acquisiti presso agenzie di viaggio e compagnie aeree, i finanzieri della Tenenza di Todi hanno accertato che, in almeno dieci episodi, invece di assistere i rispettivi congiunti, i due si sono recati all’estero per evidenti motivi turistici.

Come se non bastasse, uno di loro, incurante delle possibili conseguenze, si è dilettato a postare sui social network le foto delle proprie giornate di svago, trascorse, seppur normalmente retribuite, lontano dal proprio posto di lavoro.

I due sono stati, quindi, denunciati alla Procura della Repubblica di Spoleto per truffa ai danni dello Stato ed alla Procura della Corte dei Conti di Perugia per il danno erariale accertato.

L’operazione di servizio appena ultimata si inserisce nel contesto della costante attività svolta dalla Guardia di Finanza a tutela della spesa pubblica ed in particolare, come in questo caso, a contrasto delle truffe perpetrate da dipendenti disonesti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*