Polemica PalaEvangelisti, Leonelli Casciari, Olimpiadi confermano valore investimento

LE RISORSE DELLA REGIONE SUL PALASPORT INVESTIMENTO SULL'ECCELLENZA

Giunta Romizi delude su gestione impianti sportivi Perugia
PalaEvangelisti

da Marco De Ciuceis

GIACOMO LEONELLI E CARLA CASCIARI: “CON LE OLIMPIADI LA PALLAVOLO PERUGINA SUL TETTO DEL MONDO. LE RISORSE DELLA REGIONE SUL PALASPORT INVESTIMENTO SULL’ECCELLENZA”

«Ci ha lasciato perplessi fin da subito – spiegano i consiglieri regionali Pd Giacomo Leonelli e Carla Casciari – la polemica sull’ammodernamento e sulla gestione del palazzetto, tenuto conto che la città di Perugia e l’Umbria non potevano permettersi di perdere una realtà sportiva come la Sir Safety Conad Perugia. Quando in Regione  decidemmo per un intervento straordinario e inusuale come la copertura di 300mila ‪‎euro per l’adeguamento del palasport (pari a ben il 50% dell’importo previsto per disputare il prossimo campionato) qualcuno storse il naso dicendo che la gestione degli impianti era di competenza del Comune ‪‎e che era fuori luogo che la Regione intervenisse con risorse straordinarie».

IL VOLLEY DIVENTA UN FORMIDABILE STRUMENTO DI PROMOZIONE TERRITORIALE

«Lo straordinario argento olimpico della nazionale, guidata da ben 3 giocatori di Perugia su 6, dimostra invece – concludono Giacomo Leonelli e Carla Casciari – che a Perugia la pallavolo non è uno sport come gli altri. Il capoluogo di Regione è sempre di più la capitale di uno sport che, anche grazie ai successi di una nazionale che alle Olimpiadi di Rio de Janeiro ha fatto innamorare il Paese, susciterà un nuovo interesse tra giovani e giovanissimi. Ed ecco che quel contributo straordinario per il palasport di Perugia accordato dalla Regione, per quanto insolito e probabilmente non dovuto, non solo difende una nostra grande realtà sportiva, che senza un impianto adeguato sarebbe stata costretta probabilmente ad andarsene, ma investe sull’eccelleza di uno sport che deve inorgoglire tutta la nostra comunità, e rafforza in Italia e nel mondo l’immagine di un territorio che, per crescere, non può che scommettere sulle sue realtà migliori promuovere se stesso».


 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*