Ospedale di Perugia, è un maschietto il primo nato del 2017 FOTO

E' una femmina l'ultima nata del 2016 e si chiama Arianne

Umbria Jazz Winter #24, incassi sui 250 mila euro, ottimi risultati

Ospedale di Perugia, è un maschietto il primo nato del 2017 TERNI – Sono state quattro le nascite nel primo giorno del 2017 nella struttura complessa di Ostetricia del Santa Maria della Misericordia di Perugia, un maschio e tre femmine. Al primo nato, è stato dato il nome di Pietro, pesa 3.310 grammi, è venuto alla luce alle ore 0:46. Ad assistere la madre Barbara, 30 anni, originaria di Assisi, i medici Donata Delli Ponti, Floriano Ventura e Silvia Pericoli, con l’anestesista Francesco Oliva e l’ostetrica Maria Lisa Becchetti.

E’ una femmina l’ultima nata del 2016 e si chiama Arianne, terzogenita di Susanne e Nicolas di origini camerunesi.

“Nel 2016 ci sono state 2015 nascite, rispetto a 2124 dell’anno precedente (– 5% circa,in linea con la tendenza nazionale)”, lo afferma con l’Ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia il dottor Giorgio Epicoco direttore della Struttura Complessa di Ostetricia e Ginecologia. In particolare, aggiunge Epicoco, sono stati 1965 parti (nel 2015 erano stati 2057) 3 dei quali trigemini e 41 gemellari.

Il tasso di tagli cesarei è stato ulteriormente ridotto al 28,9% (lo scorso anno eravamo al 29,9%).
Ed aggiunge: “è con soddisfazione che voglio precisare che l’obiettivo di ridurre il tasso di cesarizzazione non è economico ma propriamente sanitario, infatti le donne che hanno subito un taglio cesareo hanno, nelle gravidanze successive, maggior rischio di dovere ripetere il taglio cesareo con un aumento esponenziale dei rischi, più frequentemente emorragici. Basti pensare che durante il 2016 sono state 254 le donne in gravidanza con uno o più precedenti cesarei che hanno richiesto un particolare impegno dal punto di vista ostetrico, anestesiologico e trasfusionale”.

Il numero di madri non italiane è stato quest’anno di 499 con un contributo di poco più del 25% (in linea con gli anni precedenti).

La nazione che maggiormente è rappresentata è la Romania con 100 madri, segue l’Albania con 86.
Il nord Africa, prevalentemente il Marocco, contribuisce per il 4,25%.
La Polonia e il Sud America sono in riduzione mentre 15 cinesi hanno partorito quest’anno a Perugia.
Le new entry del 2016 sono Turchia, Giappone e Iraq.
Una curiosità, i mesi nei quali si sono avute il maggior numero di nascite quotidiane sono stati febbraio e novembre.

Il dottor Epicoco sottolinea anche che si sono avute 8 nascite tra 22 e 24 settimane di gestazione (epoche considerate “limite” per la vitalità), precisamente una a 22, 5 a 23 e 2 a 24 settimane. In totale sono venuti alla luce 14 neonati di peso tra 450 e 750 grammi, alcuni dei quali sono potuti tornare tra le braccia dei genitori in buona salute, dopo un lungo e complesso iter nella Unità di Terapia Intensiva Neonatale del Santa Maria della Misericordia di Perugia.

A salutare gli operatori sanitari in servizio nel primo giorno del 2017, il direttore dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, dott. Emilio Duca, che tra l’altro ha avuto congratularsi anche con le neo mamme.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*