Operazione Polfer Foligno “Estate sicura”, 60 persone controllate ed elevate sanzioni [FOTO E VIDEO]

L’azione di prevenzione e repressione è stata attuata anche all’interno dei treni in transito

Operazione Polfer Foligno “Estate sicura”, 60 persone controllate ed elevate sanzioni. Sessanta persone controllate, compresi i loro bagagli, circa 40. Scortati venti treni a bordo dei quali sono state identificate una trentina di persone e sanzionati i passeggeri senza biglietto.

Sono alcuni dei numeri dell’operazione, “Estate sicura”, effettuata dalla Polfer di Foligno negli scali di propria competenza, da Assisi fino a Spoleto, ma anche fino a Gaifana direzione Ancona, in collaborazione con il personale di Trenitalia Spa. A ridosso del periodo vacanziero si intensifica, quindi, l’azione di prevenzione e repressione dei reati da parte della Sezione di Polizia Ferroviaria di Foligno. Una vasta operazione, è stata condotta nei mesi di giugno, luglio e nei primi giorni di agosto sulla tratta ferroviaria di competenza, sia all’interno degli scali, sia con scorte a bordo treno.

Tutto ha avuto inizio da una serie di attività investigative avviate dal personale della Polizia Ferroviaria nell’ambito di un vasto piano di prevenzione disposto dal Compartimento Polfer Umbria-Marche-Abruzzo.

«La fascia di controllo è stata per la maggior parte quella serale senza sottovalutare le fasce mattutine e pomeridiane». E’ stato detto in conferenza stampa stamani dal responsabile Alessandro D’Antoni. Era presente anche Bruna Di Domenico, direttore del trasporto regionale per l’Umbria per Trenitalia Spa.

«La nostra presenza negli scali di competenza è costante – ha detto il responsabile della Polfer -. Cerchiamo di prevenire, punire e reprimere, ma anche di aiutare chi è in difficoltà, per questo sono stati attivati anche meccanismi di solidarietà»

«L’attività che noi svolgiamo in squadra è ormai un’attività strutturata – ha spiegato Bruna di Domenico – abbiamo delle risorse dedicate quotidianamente al controllo aggiuntivo a bordo treno, spesso affiancate dalla Polfer. Il tasso di evasione nella nostra regione è pari al 6,1 per cento. Ci sono tratte più critiche dove il fenomeno si concentra con qualche punto superiore media regionale. Grazie alla collaborazione della Polfer che ci affianca e ci dà un contributo prezioso in termini di recupero dell’evasione».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*