Omicidio del Bellocchio, ecco il risultato della perizia su Rosi

Incidente probatorio sull'agente immobiliare, in carcere per l'omicidio della moglie

Omicidio Presta, per i periti Rosi può rimanere in carcere

Omicidio del Bellocchio, ecco il risultato della perizia su Rosi. Affetto da un “io fragile” ma capace di intendere e di volere e quindi in grado di partecipare al processo. Sono queste le conclusioni di Giovanni Battista Traverso e David Lazzari, i periti del gip incaricati di valutare la situazione psichica di Francesco Rosi, l’agente immobiliare che ha ucciso la moglie Raffaella Presta. I due tecnici sono stati ascoltati come incidente probatorio. Secondo Traverso e Lazzari, Rosi, al momento dell’omicidio della moglie, “soffriva di una patologia psichica inquadrabile in un disturbo dell’adattamento con ansia e umore depresso misti, tendente alla cronicizzazione, patologia che comunque non rappresentava una infermità mentale di tale grado da scemare grandemente la sua capacità di intendere e di volere”.

“Un quadro molto diverso rispetto a quello descritto dopo l’omicidio”, ha commentato Laura Modena, avvocato della difesa. Intanto le carte tornano al sostituto procuratore per la conclusione delle indagini.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*