Occupazione abusiva di immobili, controlli sicurezza urbana e degrado

L’operazione è avvenuta dopo vari contatti con il proprietario dell’immobile stesso

Tragedia sfiorata a Spoleto, auto si sfrena e in retromarcia sfonda vetrina
Polizia Municipale

Occupazione abusiva di immobili, controlli sicurezza urbana e degrado PERUGIA – Continua l’opera di contrasto al degrado e all’occupazione abusiva di immobili da parte della Polizia Municipale di Perugia, sia nell’area di Fontivegge che in altri quartieri della città, come ad esempio Corso Garibaldi.

Qui, in particolare gli agenti della PM sono riusciti a far chiudere gli accessi ad un immobile, nel quale hanno rintracciato persone già note alle forze di Polizia. L’operazione è avvenuta dopo vari contatti con il proprietario dell’immobile stesso, contro il quale, peraltro, si procederà per cambio di destinazione d’uso dell’immobile, da garage ad abitazione.

In un’altra decina di immobili, situati nella zona della stazione tra via Sicilia e via del Macello, su segnalazione dei residenti che lamentavano rumori molesti e persone sospette, la Polizia Municipale ha potuto accertare, grazie ai controlli effettuati, che, pur in presenza di contratti di locazione e regolari cessioni di fabbricato, vi erano discrasie tra gli intestatari del contratto e gli effettivi occupanti dell’immobile, per i quali proseguiranno le verifiche. Nel corso dei controlli anti-degrado, inoltre, sono state identificate donne di nazionalità rumena dedite alla prostituzione che, pur essendo in regola con i documenti, sono state allontanate dalla strada.

Nel corso di un controllo del territorio svolto in abiti civili da personale dell’Ufficio di Sicurezza Urbana presso il Percorso Verde di Pian di Massiano, infine, è stata identificata e denunciata  una persona che danneggiava le foto-trappole poste nell’area per il contrasto alla proliferazione dello scoiattolo grigio, nell’ambito di un progetto finanziato, tra gli altri, dalla Regione dell’Umbria e da Comune di Perugia.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*