Massacrato di botte, sviene dopo i colpi, aggressore denunciato a Norcia

L'aggressione nella nottata di martedì scorso 16 agosto

Poco pratico alla guida, ruba un'auto e si schianta, succede a Nocera

Massacrato di botte, sviene dopo i colpi, aggressore denunciato a Norcia. Lo hanno trovato privo di sensi, a terra a seguito di una violenta aggressione. Sono stati due  Carabinieri in servizio presso la Tenenza di Norcia a soccorrere un giovane classe 1982, che a seguito di una violenta aggressione all’interno di un esercizio commerciale si è accasciato al suolo privo di sensi. Tutto è successo nella nottata dello scorso martedì 16 agosto, quando è arrivata la richiesta di intervento al 112 da parte dalla titolare dell’attività che ha segnalato che un ragazzo era stato colpito al volto da un coetaneo all’interno di un bar della città nursina.

Il fatto si è consumato in pochissimi minuti quando un giovane, entrato all’interno del bar, si è recato direttamente dalla vittima e dopo delle minacce verbali lo ha aggredito con una serie di pugni al volto.  L’aggredito, dopo aver incassato i colpi è caduto al suolo privo di sensi, con il volto tumefatto e una vistosa ferita alla testa.

I Carabinieri prontamente intervenuti in loco, lo hanno immediatamente soccorso e rianimato.  Il ragazzo è stato poi trasportato all’ospedale di Norcia per esami e terapie e successivamente sono scattate le ricerche dell’aggressore. Preziose sono state le testimonianze di avventori e turisti presenti alla scena da far west e da lì i militari sono partiti per ricostruire un volto ed un nome all’autore dei fatti, che dopo poco tempo, é stato rintracciato dai militari che lo hanno fermato e denunciato per lesioni personali.

L’aggressore, un giovane proveniente dal Lazio, che si trovava in vacanza a Norcia, avrebbe preso a pugni la vittima per futili motivi; avrebbe infatti ritenuto che l’aggredito gli avesse lanciato “qualche sguardo di troppo”.

Il giovane soccorso, dopo le prime cure e la sutura della ferita, è stata dimesso nella mattinata odierna con una prognosi inferiore ai venti giorni anche grazie al rapidissimo ed efficace primo soccorso prestato dai militari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*