Leonardo Cenci domani in Quirinale, oggi a Bruxelles per presentare gli Oncology Games

Leonardo Cenci: “Dedico questo riconoscimento a tutti i malati di cancro che, come me, stanno combattendo per restare vivi”

Leonardo Cenci e Chiara Bennati a Bruxelles

Leonardo Cenci domani in Quirinale, oggi a Bruxelles per presentare gli Oncology Games PERUGIA – “Sono molto contento di ricevere questo riconoscimento che dedico a tutti i malati di cancro che, come me, stanno combattendo ogni istante della giornata per rendere la propria vita accettabile e di qualità”. È quanto dichiara Leonardo Cenci che sarà ricevuto giovedì 2 febbraio alle ore 12 a Roma dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della cerimonia di consegna delle quaranta onorificenze al Merito della Repubblica Italiana che vedrà protagonisti donne e uomini che si sono distinti per atti di eroismo, per l’impegno nella solidarietà, nell’integrazione, nel soccorso, per l’attività in favore dell’inclusione sociale, nella promozione della cultura, della legalità e per il contrasto alla violenza.

“Io ritiro materialmente questo riconoscimento – prosegue il presidente dell’associazione Avanti Tutta onlus – ma è come se fosse di ogni malato oncologico, impegnato nella ‘battaglia’ più importante che può affrontare e che ha come obiettivo finale quello di mantenersi in vita, che è la cosa più preziosa che abbiamo”.

Cenci si presenterà al Quirinale insieme ai genitori Sergio ed Orietta e sarà insignito del titolo diCavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana “per la determinazione e la forza d’animo con cui affronta la sua gravissima malattia offrendo agli altri malati un esempio di reagire e di difesa della vita”.

 

Leonardo, infatti, è reduce dalla splendida prova alla Maratona di New York (che si è tenuta lo scorso 6 novembre, ndr) come primo italiano al mondo che ha corso una 42,195 km con un cancro in atto, concludendola al 24.179esimo posto (erano oltre 50mila i podisti al via, ndr) con il tempo di 4 ore 27 minuti e 57 secondi. Una prestazione ha superato l’unico precedente accertato che è stato quello di Fred Lebow, cofondatore della maratona di New York, che la corse nel 1992 con un tumore al cervello (gli fu diagnosticato nei primi mesi del 1990) chiudendola in 5 ore e 32 minuti e 34 secondi.

 

I COMPLIMENTI DELLA PRESIDENTE CATIUSCIA MARINI – Leonardo non sarà il solo a rappresentare l’Umbria a Roma. Insieme a lui ci sarannno i perugini Franco Chianelli e Luciana Cardinali, fondatori del “Comitato per la vita Daniele Chianelli”, che saranno insigniti dell’onorificenza di Commendatori dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. “I migliori complimenti a questi eccellenti umbri – afferma la presidente della Regione, Catiuscia Marini – che dimostrano non solo di aver realizzato grandi progetti, interamente basati sul volontariato, che ormai rappresentano un’eccellenza, ma anche che sono la prova di come sia possibile rendere il dolore e le difficoltà della vita un’occasione di impegno e di solidarietà verso chi soffre”.

 

LA SUA STORIA – Nel luglio del 2012 a Leonardo gli fu diagnosticato un cancro al polmone al quarto stadio, con metastasi celebrali ed ossee, incurabile ed inoperabile. Gli diedero pochi mesi di vita ed invece nel 13 giugno del 2013 ha ideato e fondato l’associazione Avanti tutta Onlus (www.avantitutta.org) che si impegna nell’animare il tessuto sociale e civile di Perugia e a finanziare, anche attraverso il lavoro di tanti volontari e dei donatori, l’adeguamento e l’ammodernamento delle strutture e degli arredi del reparto di oncologia medica dell’ospedale perugino (come, ad esempio, illuminazione a led, realizzazione di una palestra per attività motoria, poltrone per la somministrazione della chemioterapia, letti per malati lungodegenti, borse di studio per la ricerca). La mission è anche quella di dare dignità ai malati di cancro, di promuovere la pratica sportiva nei protocolli di terapia contro il cancro, uno stile di vita corretto e sano.

 

Per tutti questi motivi, nel giugno scorso, il Comune di Perugia, attraverso un atto formale deliberato dal Consiglio, lo ha iscritto nell’Albo d’oro della città. Nel novembre 2015, inoltre, ha ricevuto in Vaticano il Premio Internazionale “Giuseppe Sciacca” per le Attività Sociali ed il Volontariato e nel 2016 il Premio Internazionale “Le Velo – L’Europa per lo sport” a Scarperia.

 

IL PROGETTO ONCOLOGY GAMES – Ma il riconoscimento più importante – soprattutto a livello morale – è arrivato nei mesi scorsi quando l’Unione Europea ha deciso di finanziare il progetto “Oncology Games”, ideato da Cenci e presentato dal Tucep (Tiber Umbria Comett Education Programme) e che vede la partecipazione del CONI e di altri sei paesi: Spagna, Regno Unito, Bulgaria, Polonia, Grecia, Tokelau (isole). Leonardo e la sua dottoressa Chiara Bennati, medico in forza all’Oncologia Medica Ravenna (expertise patologia polmonare) e che collabora nel gruppo del dottor Cappuzzo, sono stati proprio il giorno antecedente la premiazione (mercoledì 1 febbraio) a Bruxelles per presentarlo ufficialmente.

 

Il progetto intende realizzare attività sportive a livello europeo che promuovano l’importanza dell’attività fisica per la salute, l’inclusione sociale e il benessere delle persone affette da malattie oncologiche. S’inserisce nell’ambito delle strategie Unione Europea per il miglioramento della salute pubblica e l’inclusione sociale, promuovendo attraverso attività sportive destinate ai malati oncologici, l’applicazione delle linee guida europee per l’attività fisica. L’obiettivo principale è quello di dimostrare che, con un’adeguata attività fisica e una mentalità positiva e sportiva, il tumore si può combattere, e si può migliorare la qualità della vita, incoraggiando i pazienti a vivere la propria vita senza sentirsi malati.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*