Primi d'Italia

Incendio al Kiclub di Bastia Umbra, alcune persone intossicate, anche una donna incinta [FOTO – VIDEO]

Incendio al Kiclub di Bastia Umbra, alcune persone intossicate, anche una donna incinta

Incendio al Kiclub di Bastia Umbra, alcune persone intossicate, anche una donna incinta BASTIA UMBRA – Un vasto incendio è scoppiato nella palestra Kiclub di Bastia Umbra. E’ successo nella serata di martedì, attorno alle 18,45. A dare l’allarme le persone presenti all’interno della struttura quando si sono accorte delle fiamme e soprattutto del fumo. Secondo le prime informazioni, avrebbe preso fuoco un quadro elettrico. Sul posto sono arrivati immediatamente i vigili del fuoco dal comando provinciale di Perugia con diverse squadre e tutte le attrezzature necessarie per spegnere le fiamme. Molti dei clienti del Kiclub, intanto, erano usciti dalla scala di sicurezza.

Dato che dall’ingresso principale, luogo dove con molta probabilità si è sviluppato l’incendio, non si poteva uscire, i Vigili del fuoco hanno spaccato un paio di vetrate dello stabile. Dalla sala operativa hanno fatto sapere che non ci sono stati feriti, ma solo alcune persone intossicate dal fumo, subito soccorse dalle quattro ambulanze fatte arrivare sul posto. Tre persone sono state trasportare all’ospedale di Perugia, tra queste anche una donna incinta, altre tre ad Assisi ed alcune sono state medicate sul posto.

Sono intervenuti anche i carabinieri, al seguito del Maggiore Marco Vetrulli, il personale della polizia locale di Bastia. Sul posto anche la giunta di Bastia, al seguito del sindaco Stefano Ansideri.

I TESTIMONI: «Io ero dentro – racconta una testimone – poi ad un certo punto un via vai di corsa. Siamo usciti dalla scala anti incendio posta nel retro. Era pieno di fumo io ho preso la borsa e sono uscita subito, ma qualche persona è rimasta dentro più di mezz’ora, poi sono uscite dal vetro della finestra rotto dai vigili del fuoco. Al piano terra non si poteva passare perché l’incendio è scoppiato proprio lì, dove c’è il il contatore. La ragazza alla reception era sotto shock e tutta nera in viso».

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*