Gualdo Tadino, bullismo a scuola, presi i due giovani marocchini che “torturavano” i compagni FOTO E VIDEO

Violenza fisica e psicologica sui compagni di classe, ogni tipo di vessazione, insulti, minacce e lanci di oggetti

Gualdo Tadino, bullismo a scuola, presi i due giovani marocchini che “torturavano” i compagni PERUGIA – I Carabinieri di Gualdo Tadino e di Gubbio hanno eseguito misure cautelari nei confronti di due minorenni di origine marocchina. Si tratta di un ragazzo di 15 anni e un altro di 16 anni. Il capo di accusa è atti persecutori nei confronti dei compagni di scuola. L’ordinanza è stata emessa dalla procura dei minori di Perugia. Il tutto risale a più due mesi fa. Uno dei due soggetti fu bloccato nei primi giorni di gennaio, mentre ieri  è stato fermato il secondo. Violenza fisica sui compagni di classe, ogni tipo di vessazione, insulti, minacce e lanci di oggetti e poi ancora ripetute offese, aggressioni alla schiena con pugni e calci.

I due giovani marocchini erano già seguiti dai servizi sociali della scuola che aveva a sua volta preso i primi provvedimenti disciplinari nei loro confronti. I comportamenti in classe erano spesso ripresi dai docenti con delle note, ma è stato poi necessario fare una denuncia ai carabinieri che hanno ricostruito tutta la vicenda. Storia che poi è stata anche denunciata dai genitori delle vittime, in quanto i figli terrorizzati non volevano più andare a scuola, rifiutandosi di uscire durante il pomeriggio. Il gruppetto minacciato, con l’intervento della magistratura, ha trovato il coraggio di parlare raccontando tutti gli episodi che subivano giornalmente.

Le famiglie dei due ragazzi, integrati nel territorio di Gualdo Tadino da almeno 15 anni, hanno reagito positivamente all’intervento della magistratura. Mentre uno dei due ragazzi è stato trasferito in un’altra scuola, l’altro è rimasto nello stesso istituto per l’obbligo scolastico fino a 16 anni. Entrambi dovranno seguire un corso di recupero fatto dai servizi sociali.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*