Giornata mondiale AIDS, in Umbria unico centro italiano per chirurgia

Per motivi tecnico organizzativi tutto il percorso è stato strutturato all'interno dell'Ospedale di Umbertide

Giornata mondiale AIDS, in Umbria unico centro italiano per chirurgia

Giornata mondiale AIDS, in Umbria unico centro italiano per chirurgia

da Dottor Marino Cordellini
In occasione della giornata mondiale contro l’AIDS dell’1 Dicembre 2015, si ricorda che dal 2010 in Umbria è attivo l’unico centro a livello nazionale per il trattamento chirurgico di quelle gravi alterazioni strutturali che colpiscono il tessuto muscolare ed il tessuto sottocutaneo in pazienti affetti appunto da AIDS. Questi pazienti oggi sopravvivono grazie a pesantissime terapie a base di farmaci antiretrovirali che, come effetto collaterale, determinano l’atrofia dei tessuti muscolari e dei tessuti sottocutanei oltre all’accumulo patologico di grandi quantità di tessuto fibro-adiposo in particolari distretti corporei, come la parete posteriore del collo.

In tali occasioni oltre alle limitazioni funzionali dei vari distretti corporei, i pazienti acquisiscono delle stimmate morfologiche per cui sono subito identificati come malati e pertanto discriminati sul lavoro e nella vita di relazione in generale. Per ovviare a questo, è stata creata una rete nazionale con le associazioni dei sieropositivi, con i vari istituti di malattie infettive nazionali, per cui i pazienti, sfruttando un numero verde dedicato, possono entrare in contatto con le nostre strutture.

AD UMBERTIDE

Qui i pazienti sono valutati e sottoposti a cicli terapeutici chirurgici che, a seconda delle necessità, prevedono l’asportazione di queste masse di tessuto fibro-adiposo patologiche mediante tecnologie ultrasoniche, o il trapianto, dallo stesso paziente, di tessuto adiposo che viene centrifugato e reimpiantato per ricostruire i vari distretti corporei atrofizzati. Il 98 per cento i pazienti viene da altre regioni.

AIDS

A Perugia sono operati circa 200 pazienti l’anno ed in questo momento la lista di attesa e di circa 80 persone. Per motivi tecnico organizzativi tutto il percorso è stato strutturato all’interno dell’Ospedale di Umbertide. Sicuramente la sanità della nostra regione,ha raggiunto, in questo campo, un livello di eccellenza nazionale e costituisce un richiamo costante per pazienti che risiedono in altre regioni. Si sta infine mettendo a punto un completamento del percorso per cui i pazienti avranno a disposizione fisiatri nutrizionisti e psicologi per un ulteriore miglioramento della risposta terapeutica

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*