Fine giugno intenso per i tecnici del Sasu

Questione di attimi. Questa la sintesi dell'intervento portato a termine dai tecnici del Soccorso Alpino

Fine giugno intenso per i tecnici del Sasu

Fine giugno intenso per i tecnici del Sasu. Questione di attimi. Questa la sintesi dell’intervento portato a termine dai tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Umbria (SASU), 8 persone e 4 mezzi sul posto, a Porchiano di Amelia per la scomparsa di un uomo di 66 anni.

Ospite di un agriturismo della zona, l’uomo aveva fatto perdere le sue tracce da un po’ di tempo, quando e’ stato lanciato l’allarme. Questione di secondi e la macchina dei soccorsi Sasu, si e’ messa in moto. Gli 8 tecnici si sono immediatamente diretti sul posto  dove sono iniziate le ricerche del 66enne arrivato dall’Inghilterra per trascorrere una vacanza nelle campagne amerine. In collaborazione con i Carabinieri e i Vigili del Fuoco, le ricerche sono proseguite fino alle tre del mattino quando l’uomo e’ stato trovato dai Carabinieri nei pressi delle scuole di Amelia.

Nel tardo pomeriggio di ieri,su richiesta del comune di Corciano alcuni Tecnici della squadra di Soccorso Speleologico sono intervenuti per un sopralluogo nei pressi di Migiana, dove nei giorni scorsi in un terreno adiacente si era aperta una piccola cavità naturale.

Nella serata poi, i tecnici del SASU sono stati allertati per intervenire in collaborazione con il 118, per il recupero di un ciclista ferito in località Fraccano a Città di Castello. Anche in questo caso la macchina dei soccorsi e’ partita rapidamente permettendo al personale SASU di essere rapidamente sul posto. Un intervento non necessario, il loro, visto che il paziente, seppure in una zona difficile da raggiungere, era appena stato recuperato dal personale del 118 e dai Vigili del Fuoco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*