Fertility Room Assisi, Leggio M5s, il sindaco prima tira il sasso e poi nasconde la mano

Leggio al sindaco: «Se hai fatto di quell'assessore, quell'assessore va difeso»

Fertility Room Assisi, Leggio M5s, il sindaco prima tira il sasso e poi nasconde la mano

Fabrizio Leggio non abbiamo portato pornostar in piazza ad Assisi di Marcello Migliosi ASSISI – «Io Guarducci lo approvo, per me ha fatto una “genialiata”, l’unica cosa che stigmatizzo è la presa di distanza del sindaco che disconosce l’iniziativa. Tira il sasso e poi nasconde la mano». Sono le parole del consigliere comunale di Assisi, Fabrizio Leggio in merito alla vicenda della Fertility room. All’obiezione che “il sindaco non ne sapeva niente”, risponde: “Quando ha scelto Guarducci come assessore, Guarducci è anche queste cose qui». Il rappresentate del Movimento 5 Stelle afferma anche che “se poi vogliamo analizzare la cosa”, l’iniziativa è nata perché si voleva, è evidente, attirare l’attenzione.

Per troppi giorni si è parlato del terremoto ad Assisi, quando – e lo ribadiamo a chiare note – il sisma nella città del Poverello non ha fatto danni, ma nonostante questo disdette negli alberghi, turisti che non vengono, insomma, come diceva uno dei direttori del NYT: “Fa più anni una notizia pubblicata in prima pagina che una bomba lanciata in mezzo alla folla”. Il paragone, ovvio, è metaforico, ma che da Assisi non si riuscisse più a “scalare” la vetta dei media nazionali, evidentemente, dal pool messo insieme da Guarducci, è stato rilevato con forza.

E visto che non si riusciva a far arrivare le notizie a livello nazionale si è seguita la strada della “provocazione” e capperi che botta eh! Talmente forte che ha rischiato, e forse rischia ancora, di travolgere chi l’ha ideata e lanciata. «Quanto fatto – dice Leggio – ha avuto una risonanza planetaria, a me una idea del genere non sarebbe venuta e a lui sì. Non sono bigotto, né mi scandalizzo».

fertility-room-eng-1Sulla efficacia, al di là quindi del “casino” che si è creato attorno, Leggio sostiene che «danno non lo porta, mi viene da sorridere quando leggo che i turisti, per via della Fertility room, non verranno più. E’ una stupidaggine, Assisi ha una valenza mondiale e chi viene per i motivi che tutti conosciamo, continuerà a venire. Se si prova, ogni tanto, ad accendere i riflettori sul nome di Assisi in una chiave che non sia quella Francescana, non si danneggia certo il Francescanesimo».

Leggio è inarrestabile: “Non è che è che abbiamo portato le pornostar in piazza del Comune, abbiamo lanciato una boutade, venite a fare i bambini ad Assisi. Non è. alla fine, tutto questo scanalo”. Secondo l’esponente pentastellato “non danneggia e alla fine ha ottenuto il risultato che, per la prima volta, dopo un mese e mezzo, si para di ricettività ad Assisi senza nominare la parola terremoto”. In sostanza, secondo Fabrizio Leggio, da condannare è il Comune, inteso come Amministrazione, che prende le distanze dall’iniziativa.

«E’ – dice – una ennesima forma di sudditanza alle pressioni del Clero, della Regione e di non so chi altri». In sostanza Eugenio Guarducci, pur stando dall’altra parte politica, a Leggio “comincia a piacere”. «Se hai fatto – dice rivolgendosi al sindaco – di quell’assessore, quell’assessore va difeso».

the-young-flop
la vignetta di Alberta Gattucci

Alberghi Assisi lanciano Fertility room per le coppie che soggiornano VIDEO

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*