Espulso dall’Italia, ma viaggiava sul treno Padova-Foligno, rintracciato dalla Polfer VIDEO

L'intera operazione è stata condotta in collaborazione con gli uomini della Polfer di Bologna Centrale

Espulso dall’Italia, ma viaggiava sul treno Padova-Foligno, rintracciato dalla Polfer FOLIGNO – E’ il succo dell’attività investigativa posta in essere nei giorni scorsi dagli uomini della Sezione Polfer di Foligno. Durante un servizio di scorta a bordo treno, sulla tratta Padova – Foligno, gli agenti della Polizia Ferroviaria folignate, sospettosi del comportamento schivo di un viaggiatore, si sono avvicinati per procedere alla sua identificazione.

Questi, un trentenne cittadino straniero già noto alle Forze dell’ordine e con un’indagine a carico per abusi sessuali nei confronti di minore, dapprima fornisce il solo titolo di viaggio e poi esibisce il proprio documento. La velocità del controllo, resa possibile dall’utilizzo di palmari di nuova generazione dei quali sono dotati gli agenti della Polizia Ferroviaria nei servizi di pattuglia a bordo treno, hanno permesso di verificare che la persona era stata espulsa per cinque anni dal territorio nazionale.

Lo straniero, che ha giustificato il suo reingresso sul territorio nazionale affermando di non sapere dove andare, è stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria per tale sua condotta, oltre che segnalato per la nuova espulsione ed accompagnato presso gli Uffici della Questura di Bologna per la relativa esecuzione. L’intera operazione è stata condotta in collaborazione con gli uomini della Polfer di Bologna Centrale.

Print Friendly, PDF & Email

1 Commento

  1. Finalmente anche la Polizia Italiana viene dotata di strumenti moderni e facili da usare. E fate bene a parlarne, informando i cittadini.
    Però, vi prego, quando menzionate i dati, verificateli e date informazioni corrette: non esistono treni Padova-Foligno” (tratta possibile solo con cambi di treno), ma probabilmente era la “tratta del servizio” dei Polfer..
    Diversamente i lettori crederebbero che esiste tale “treno” e poi, magari, si arrabbierebbero con il vettore credendo che il treno… sia stato cancellato…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*