Esercito Fontivegge, per Gruppo Pd Romizi dichiara fallimento sulla sicurezza

Militarizzazione inutile e dannosa, servono più pattuglie, controlli e socialità

Esercito Fontivegge, per Gruppo Pd Romizi dichiara fallimento sulla sicurezza. Dopo due anni e mezzo di governo, il sindaco Romizi e la sua Giunta dichiarano fallimento sulla sicurezza. Una dichiarazione di resa ufficializzata chiamando l’esercito e cambiando pelle: sempre meno civici, sempre più ostaggio dei populismi e degli estremismi di destra. La richiesta avanzata dalla Lega Nord e appoggiata dal sindaco Romizi in Consiglio Comunale di utilizzare l’Esercito a Perugia si fonda su un presupposto errato, in quanto il progetto “Strade sicure” voluto dal Governo affida al personale militare impiegato un ruolo che non è quello di investigazione e di controllo del territorio, proprio delle Forze dell’Ordine, ma piuttosto di un’attività di contrasto e di deterrenza al terrorismo, con particolare riguardo ad obiettivi sensibili come le sedi diplomatiche e i luoghi di culto.

E’ sbagliato, infatti, pensare, che si possano risolvere con militari, che operano in postazioni fisse, i problemi di criminalità e di spaccio di sostanze stupefacenti che si verificano nella stazione di Fontivegge. Un anno e mezzo fa sono arrivati a Perugia 60 uomini del Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato, come extra-organico della Questura, proprio per attuare operazioni di bonifica in alcuni quartieri.

La militarizzazione della città, con tutte le conseguenze che comporterebbe alla sua immagine, non creerebbe, peraltro, livelli di sicurezza più elevati. Occorrono azioni coordinate tra le varie forze in campo (Prefettura, Questura, Comune di Perugia ed associazioni del territorio) evitando una politica fatta di spot e di annunci che va in controtendenza rispetto al Patto per Perugia Sicura. L’atto di rinnovo del Patto per Perugia Sicura, siglato nel luglio 2015, ha prorogato di ulteriori due anni la validità del precedente accordo del quale si è riconosciuta l’efficacia ai fini dell’innalzamento dei livelli di sicurezza in ambito urbano. Oltre a rinnovare gli impegni già precedentemente assunti dalle amministrazioni firmatarie e ad adeguarli al mutato quadro normativo, il documento ne attualizza i contenuti con una rinnovata attenzione al tema della sicurezza delle periferie e dei quartieri a rischio. Se si preferisce la politica degli annunci e delle fughe in avanti sarebbe meglio evitare di stipulare accordi di collaborazione con gli altri organi di governo.

A nostro avviso, occorre proseguire ed implementare il Patto per Perugia Sicura e puntare su una maggiore collaborazione tra le Forze di Polizia ed impiegare la Polizia Municipale nelle attività che sono di specifica competenza. Ci riferiamo, in particolare, alla verifica degli affitti delle case in quella parte della città e a un controllo capillare sugli esercizi commerciali, a partire da quelli che vendono sostanze alcoliche o che chiudono a tarda notte.

Occorre anche prevedere un incremento della presenza di pattuglie della Polizia Municipale nella zona di Fontivegge che assicuri un più efficace controllo delle autovetture in circolazione e l’identificazione di eventuali situazioni sospette.

Riteniamo, invece, valida la proposta avanzata dai cittadini di raccogliere le firme per l’istituzione di un presidio fisso delle Forze dell’ordine, proposta che l’Amministrazione dovrebbe fare propria, fermo restando che la sicurezza si garantisce anche attraverso iniziative di carattere sociale e culturale, di riqualificazione del quartiere, di arredo urbano, di cura dei parchi spesso abbandonati.

La vera sfida è riportare vitalità a Fontivegge, cosa che non è riuscita all’amministrazione Romizi visto che oggi ricorre all’esercito, quando fino a ieri prometteva di fare di questo quartiere un simbolo di rinascita nel suo mandato. La sicurezza si fa con i controlli e la socialità, il resto è propaganda. Esasperata.

Alvaro Mirabassi
Erika Borghesi
Leonardo Miccioni
Tommaso Bori
Sarah Bistocchi
Emanuela Mori
Diego Mencaroni

1 Commento su Esercito Fontivegge, per Gruppo Pd Romizi dichiara fallimento sulla sicurezza

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*