Edilizia scolastica, 28 milioni di euro, ecco l’elenco delle scuole VIDEO

Il Comune di Perugia ha effettuato le verifiche di vulnerabilità sismica di 58 edifici scolastici

Edilizia scolastica, 28 milioni di euro, ecco l'elenco delle scuole

Edilizia scolastica, 28 milioni di euro, ecco l’elenco delle scuole. Si è svolta questa mattina in Sala Rossa a Palazzo dei Priori la conferenza stampa per presentare il programma di interventi di edilizia scolastica che consentiranno, nelle intenzioni dell’Amministrazione, di riqualificare oltre 30 plessi scolastici tra il 2017 ed il 2019 con un impegno di spesa complessivo di circa 28 milioni di euro in larga parte a carico del bilancio comunale. Ad illustrare i dettagli del piano è stato il sindaco Andrea Romizi, alla presenza, tra gli altri, del vice sindaco Barelli, dell’assessore Wagué, dei dirigenti Piro, Moretti, Migliarini e Di Filippo e della Dirigente dell’ufficio scolastico regionale Boarelli.


Umbria Journal TVIl Tg a portata di click

“Quelli appena trascorsi – ha esordito il sindaco – sono stati mesi di lavoro molto intenso durante i quali ci siamo confrontati con tutti i soggetti competenti (uffici comunali, Provincia, Regione, Protezione civile, Ufficio scolastico, ecc.). In conseguenza di ciò è stato prodotto un piano di interventi su cui stavamo lavorando da ben prima che si verificassero i noti eventi sismici che hanno colpito l’Umbria. Ovviamente dopo il terremoto, l’attenzione di tutti è ulteriormente cresciuta, con particolare riferimento alle nostre scuole”. Il piano – continua Romizi – cerca di dare una prospettiva concreta che consentirà al Comune di mettere mano in maniera organica alla maggior parte dei plessi scolastici, diffusi sull’intero territorio di Perugia, partendo dalle 26 priorità individuate.

Come noto il patrimonio di edilizia scolastica del Comune di Perugia è costituito da 110 edifici, di cui 100 di proprietà dell’Ente. In questi edifici sono collocati 136 sedi scolastiche (scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo e secondo grado) e 20 servizi socio-educativi di prima infanzia (15 asili nido, 2 asili nido in convenzione, 2 centri per bambini, una sezione primavera).

Il Comune di Perugia, utilizzando un contributo straordinario della Regione del 30 giugno 2009, ha effettuato le verifiche di vulnerabilità sismica di 58 edifici scolastici (quelli più vetusti), che corrispondono ad 89 corpi di fabbrica strutturalmente distinti per una volumetria totale di circa 218mila metri cubi. I restanti 52 plessi sono in buone condizioni, ma l’intenzione, appena saranno disponibili ulteriori finanziamenti, è di procedere alle verifiche anche su di essi. A seguito delle verifiche citate avvenute nel 2009, l’Amministrazione comunale ha dunque stilato un elenco di priorità, aggiornato evidentemente ai recenti eventi, volto alla riduzione della vulnerabilità sismica delle scuole che necessitano di interventi strutturali di miglioramento ed adeguamento.

Ecco, dunque, l’elenco delle 26 priorità.

1) Scuola per l’infanzia Le Margherite di P.S.Giovanni: intervento per 320mila euro, di cui 120mila a carico del bilancio comunale, 200mila per bandi Miur; inizio lavori gennaio 2017;

2) infanzia ex Lacugnano, primaria Collodi, secondaria Grecchi: 250mila euro sul bilancio comunale: anno 2017;

3) secondaria Carducci-Purgotti: 3 milioni dai fondi per la ricostruzione: 2017-2018;

4) Infanzia Fantasia di Balanzano: 99mila euro sul bilancio comunale con avvio dei lavori a breve (2017);

5) infanzia Andersen e primaria Lambruschini (Ferro di Cavallo): 400mila euro sul bilancio comunale: anno 2017;

6) secondaria Ugo Foscolo: 3milioni di euro da fondi esterni: 2017-2019;

7) Primaria Ciabatti: 1,6 milioni dal bilancio comunale: 2017-2018;

8) Primaria Rugini di S.Martino in campo: 300mila euro dal bilancio del Comune: anno 2018;

9) Primaria Masih, secondaria Da Vinci-Colombo: 800mila euro fondi esterni: 2019;

10) Primaria Rugini Santa Maria Rossa: 330mila euro, di cui 180mila da bilancio comunale, 150mila dalla protezione civile: 2017;

11) Primaria Lambruschini Ferro di Cavallo: 400mila euro da fondi esterni: 2019;

12) Primaria Colle Umberto: 273mila euro da disagio ambientale: 2017;

13) Primaria Pestalozzi (Fontivegge): 1,7 milioni dal bando per la riqualificazione delle periferie degradate: 2017-2018;

14) Primaria Valentini, primaria Ciabatti, infanzia Agazzi (Elce): 85mila euro dal bilancio comunale: 2017;

15) infanzia Montebello: 200mila euro da fondi esterni: 2019;

16) Asilo nido Il tiglio: 3milioni da fondi esterni: 2017;

17) Infanzia e Primaria XX giugno: 80mila euro dall’art bonus: 2017;

18) Infanzia Castel del Piano sud: 250mila euro dal bilancio comunale: 2017;

19) Infanzia Rodari Ponte della Pietra: 200mila euro dal bilancio comunale: 2017;

20) Infanzia e primaria Collestrada: 250 mila dal bilancio comunale: 2017;

21) Asilo nido-infanzia Case Bruciate: 3,5 milioni con project financing;

22) primaria Tofi di Montebello: 130mila euro con risorse comunali: 2018;

23) Infanzia Colle Umberto: 67mila euro con disagio ambientale: 2017;

24) Primaria Sant’Egidio: 400mila euro con risorse comunali: 2018;

25) Secondaria San Paolo e Bernardino di Betto: 200mila euro a carico della proprietà: 2017/2018;

26) Asilo nido Il Melograno: 50mila euro dal bilancio comunale: 2017/2018.

A queste priorità si aggiungono altri interventi con annualità da definire:

1)infanzia e primaria di Ponte Felcino: 500mila euro dal disagio ambientale;

2) secondaria di Ponte Felcino: 50mila euro dal disagio ambientale;

3) asilo nido-infanzia Villa Pitignano: 2,4 milioni con permuta;

4) primaria e secondaria di ponte Pattoli: 1,6 milioni con risorse comunali; qui, in particolare, c’è il progetto di dismettere l’attuale immobile in locazione, realizzandone uno nuovo, come richiesto dai cittadini, anche accendendo eventualmente un mutuo;

5) primaria Mazzini di P.S.Giovanni: 871mila euro da oneri urbanistici a carico di Briziarelli;

6) asili nido di Santa Lucia e Case Bruciate: 750 mila euro a carico del bilancio: 2017.

Già completati interventi su vari plessi scolastici per 733mila euro grazie all’avanzo di amministrazione del 2015.

“Si tratta di un piano ambizioso – ha commentato il sindaco – per una somma complessiva di 27.788.071 euro, in larga parte derivanti dal bilancio comunale (circa 15 milioni) e reperite seconde differenti modalità (stanziamenti, permuta, bandi, project). Ovviamente, insieme a tutti gli altri comuni che si trovano nelle nostre stesse condizioni, aspettiamo fiduciosi i finanziamenti annunciati e promessi dallo Stato che, in questa partita, deve fare la sua parte fino in fondo”. Romizi ha sottolineato come i meriti, relativi alla redazione del piano, vadano ascritti all’Amministrazione ed agli uffici comunali; si è creata, infatti, una squadra che si è messa in moto con grande senso di responsabilità da tempo onde individuare le risorse utili per intervenire sulle priorità senza aspettare i finanziamenti statali. Rispetto alle intenzioni iniziali, questa progettualità è stata continuamente aggiornata ed incrementata con l’obiettivo di risolvere tutte le criticità principali.

Entrando nel dettaglio delle risorse comunali, il sindaco ha chiarito che negli ultimi due anni di legislatura l’Amministrazione ha cercato di lavorare alacremente per rimettere in salute il bilancio e poter così effettuare degli investimenti: “con le economie realizzate avremmo potuto diminuire, nel previsionale 2017, parte delle tasse partendo dalla tosap. Abbiamo, tuttavia, preferito per senso di responsabilità destinare tutte le risorse per l’edilizia scolastica in quanto prioritaria”. La riduzione dell’imposizione fiscale – ha specificato il sindaco – è però solo rimandata. Romizi ha comunque garantito che all’impiego di queste risorse non corrisponderà alcun aumento di tasse, essendo gli investimenti frutto del contenimento delle spese realizzato, peraltro, senza aver tagliato alcun servizio.

Presente all’incontro anche la Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale Sabrina Boarelli, la quale ha confermato come l’Usr abbia accompagnato e sostenuto questo percorso del Comune e quelli degli altri Enti (Regione, Provincia). Perugia aveva già iniziato un percorso di miglioramento dei plessi scolastici; poi le note vicende legate al sisma hanno messo alla luce ulteriori criticità cui l’Amministrazione ha inteso porre mano correttamente. Ne è venuto fuori un piano condiviso che conferma come, facendo squadra, si possano ottenere risultati concreti. In chiusura di conferenza il sindaco ha voluto ringraziare i dipendenti comunali ed i volontari della protezione civile per lo straordinario impegno profuso a sostegno delle popolazioni terremotate.

Tornando al piano, Romizi ha specificato che “come Amministrazione, sia con riferimento all’emergenza-sisma sia in termini di programmazione, abbiamo dato buona prova, trattandosi di un tema in cui crediamo molto. La programmazione, infatti, è fondamentale e vogliamo intensificarla ancora, come già si sta facendo sui temi del risanamento stradale, illuminazione e banda ultra larga”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*