Primi d'Italia

Un’esperienza drammatica: due ore da San Giustino a Ponte San Giovanni

QUASI DUE ORE E UN QUARTO PER COMPIERE IL TRATTO DA SAN GIUSTINO ALLA STAZIONE DI SANT'ANNA A PERUGIA TRA DEGRADO, CAMBI DI MEZZO E DISAGI

“Un’esperienza drammatica” così i consiglieri regionali della Lega Nord Emanuele Fiorini e Valerio Mancini, a fianco dei numerosi pendolari che ogni giorno utilizzano la Ferrovia centrale umbra, hanno descritto la tratta da San Giustino a Ponte San Giovanni. Per i consiglieri – che questa mattina hanno indetto la conferenza stampa alla stazione di Sant’Anna “Il viaggio della speranza: il calvario dei pendolari umbri della Ferrovia centrale umbra”- due ore di tempo per tale tratta sono inaccettabili. “Oggi occorrono – affermano i consiglieri – circa 20 minuti in più rispetto al tempo di cui un treno a vapore necessitava per percorrere lo stesso percorso nel 1923. Siamo tornati indietro di 100 anni”

Quasi due ore e un quarto di viaggio, quattro cambi di mezzo tra treno ed autobus, stazioni al limite della decenza, treni “colorati” fino ai finestrini, sottopassi dove regna il degrado, persone costrette a restare in piedi nell’autobus per mancanza di posti: sono le criticità evidenziate dalla Lega Nord Umbria che ha affrontato, insieme ai pendolari, studenti e lavoratori, il tratto FCU che da San Giustino giunge alla stazione di Sant’Anna a Perugia. I consiglieri regionali Lega Nord Umbria Emanuele Fiorini e Valerio Mancini, insieme al vice segretario per l’Umbria della Lega Nord, Virginio Caparvi, al capogruppo di Città di Castello, Riccardo Augusto Marchetti ed a Luca Briziarelli, responsabile aree tematiche, hanno intrapreso il “viaggio della speranza”, così lo hanno definito, valutando e documentando in prima persona tutte le problematiche incontrate.

“Siamo partiti – raccontano Fiorini e Mancini – da San Giustino questa mattina alle 6:45 e siamo arrivati a Ponte San Giovanni verso le 9. Due ore di tempo. Questo perché non si è fatta manutenzione, non si è fatta programmazione e dopo un anno e mezzo dall’interruzione del tratto Città di Castello Umbertide non si vede riparo, non si vedono progetti né tantomeno gli appalti per porre rimedio a questa situazione. Si aggiungono danni a danni”. Il riferimento è chiaramente “all’interruzione di questi giorni del tratto Ponte San Giovanni – Sant’Anna”.

“C’è una responsabilità politica evidente – proseguono i due consiglieri regionali –  di chi ha governato questa regione per 70 anni. C’è una responsabilità politica anche del governo nazionale: Il Governo Renzi tramite il ministro Delrio aveva preso degli impegni ad oggi totalmente disattesi”.

“Degli ingressi importanti ci potrebbero essere grazie ad una delibera del Cipe di 52 milioni di euro, ma quello che ancora manca – attaccano Fiorini e Mancini –  è un’idea strategica sulla ferrovia. Il Governo regionale non ha idee su questo importante elemento di trasporto. La Lega Nord ha invece dei progetti da sotto porre all’attenzione di chi governa l’Umbria, ma finora non siamo stati ascoltati”.

Non solo. Per i consiglieri regionali della Lega Nord “la Ferrovia, oltre a trasportare pendolari e studenti, potrebbe essere un ottimo mezzo per implementare il turismo. La ferrovia infatti, non è solo un mezzo di trasporto, ma un filo rosso che ha sempre collegato il nord della regione fino a Terni e nel suo percorso ha messo in comunicazione e visto crescere un’infinità di borghi. Questo percorso deve essere dunque salvaguardato perché è un luogo di identità storica e anche culturale, ricco di borghi e di arte. Infine può anche essere un luogo di sport: i turisti che amano la bici si spostano con i treni”.

Poi arriva il capitolo pendolari. “Non si possono – continuano Mancini e Fiorini –  impiegare 4 ore per andare da San Giustino a Terni, questi orari sono incompatibili con la vita ed il lavoro di oggi. Noi dobbiamo tutelare anche il lavoro. Ed il disagio continuerà ancora per 800 giorni. Non si può chiudere una ferrovia oggi volta che c’è da fare manutenzione, ma purtroppo, come dicevamo, non c’è una strategia da parte del governo regionale”.

IL PERCORSO

Nel dettaglio, la delegazione della Lega Nord è partita alle ore 6.45 dalla stazione di San Giustino, ultimo “avamposto” prima del confine con la Toscana e Sansepolcro. Con il treno sono arrivati alle 7.10 alla stazione di Città di Castello dove è stato effettuato il primo cambio di mezzo e sono saliti sul pullman alla volta di Umbertide, con arrivo alle ore 7.50. Ancora cambio di mezzo e di nuovo sul treno fino a Ponte San Giovanni dove la rappresentanza leghista è arrivata intorno alle 8.40. Nuova discesa dal treno e nuova salita sul pullman che, intorno alle ore 9 circa e dopo quasi due ore e 15 minuti, li ha portati alla stazione di Sant’Anna a Perugia.

INTERVENTI

“Questa è l’unica stazione dove agli altoparlanti vengono annunciate le partenze dei pullman e non dei treni – ha commentato il consigliere regionale Valerio Mancini – Non è possibile chiudere tutto per 800 giorni che poi potrebbero diventare tre anni e solamente per sistemare una tratta di pochi chilometri. Con questa logica dovremmo chiudere tutte le stazioni d’Italia. Qualcosa non funziona, è una vergogna. Sappiamo che, per questi lavori, è stato noleggiato un macchinario che costa alla Regione quasi 7mila euro di affitto al mese. Dove sono, tra l’altro, i finanziamenti pubblici per la manutenzione della rete ferroviaria promessi dal Ministro Del Rio e tanto sbandierati dalla presidente Marini?”.

“Abbiamo vissuto direttamente il calvario che ogni giorno devono affrontare studenti e lavoratori – prosegue il capogruppo in Regione, Emanuele Fiorini – e devo dire che è stata una esperienza davvero faticosa. Immagino, quindi, a che punto possono arrivare lo stress e il disagio di chi compie questi tragitti ogni giorno. Abbiamo chiesto la convocazione urgente in Seconda Commissione, dell’assessore regionale competente in materia, Chianella e dei Comitati dei pendolari. Sarebbe opportuno creare un tavolo tecnico e valutare insieme le migliori soluzioni”.

“Abbonamenti ridotti per pendolari e studenti, più tratte dirette su gomma, pulizia dei treni e riqualificazione delle stazioni, velocizzare al massimo i lavori, magari operando anche di notte” sono queste le proposte espresse dal Capogruppo Lega Nord di Città di Castello, Riccardo Augusto Marchetti.

Il vice segretario per l’Umbria della Lega Nord, Virginio Caparvi ha parlato dell’FCU come “l’ennesimo fallimento della Regione sul versante trasporti. Il futuro incerto riguardo all’aeroporto – ha proseguito – la situazione della ferrovia e tutte le problematiche inerenti alle condizioni della E45, testimoniano a pieno le mancate promesse e le inefficienze di Regione e Governo”.

Infine, Luca Briziarelli, responsabile aree tematiche: “Due ore e un quarto per 60 chilometri, con il calesse ci vorrebbe di meno – spiega – Si pensa a far viaggiare veloce le informazioni con la fibra ottica e poi non si pensa alle condizioni di viaggio di studenti e lavoratori. Faccio una proposta provocatoria: non converrebbe, a questo punto, realizzare e velocizzare i lavori su tutta l’infrastruttura e fermare la linea fino alla loro conclusione e, nel frattempo, estendere il servizio sostitutivo su gomma per l’intera tratta San Giustino-Perugia?”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*