Unipegaso

Il decreto sul terremoto è legge, ok definitivo Camera con 441 voti favorevoli

Il decreto terremoto contiene misure urgenti per le zone e popolazioni del Centro Italia colpite dal sisma

Il decreto sul terremoto è legge, ok definitivo Camera con 441 voti favorevoli

Il decreto sul terremoto è legge, ok definitivo Camera con 441 voti favorevoli ROMA – L’Aula della Camera ha approvato in via definitiva, con 441 voti favorevoli e nessun voto contrario, 5 astenuti, il decreto terremoto che contiene misure urgenti per le zone e popolazioni del Centro Italia colpite dal sisma. Il decreto è legge. Primi firmatari i deputati penta stellati umbri Filippo Gallinella e Tiziana Ciprini, che puntano ad incrementare le risorse destinate a sostegno delle imprese danneggiate dagli eventi sismici del 2016.

“I due atti – affermano con soddisfazione i deputati Gallinella e Ciprini incassando il voto favorevole dell’Aula – impegnano il neo governo Gentiloni a fronteggiare la forte e preoccupante ‘depressione turistica’ post sisma valutando la possibilità di incrementare, attraverso ulteriori iniziative normative, il fondo di 35milioni di euro, destinato alla concessione di agevolazioni, nella forma del contributo in conto interessi, alle imprese ubicate nei territori colpiti dai terremoti. I danni subiti dal nostro territorio con i terremoti di agosto e ottobre scorso sono ingenti.

Si tratta di danni diretti nelle zone del cratere ma anche di danni indiretti per i comparti del commercio e del turismo che operano fuori dall’epicentro. Occorre intervenire come si fece per il terremoto che colpì l’Umbria e le Marche nel 1997 prevedendo un contributo in conto capitale per le imprese che furono in grado di dimostrare un sostanziale decremento del loro volume d’affari successivo al sisma. Da umbri – concludono Ciprini e Gallinella – ci auguriamo che si passi presto dalle ‘carte ai fatti’ e che il Commissario Errani con il MEF si attivino”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*