Primi d'Italia

Comune di Terni: assessore Ballerani dice addio a Palazzo Spada

Ballerani: “La mia scelta del tutto personale è maturata nelle ore successive all’affidamento delle deleghe”

Comune di Terni: assessore Ballerani dice addio a Palazzo Spada. “La mia scelta del tutto personale è maturata nelle ore successive all’affidamento delle deleghe avvenuto domenica 2 ottobre”. L’assessore Cristhia Falchetti Ballerani fa le valigie e a lascia definitivamente il suo ruolo a Palazzo Spada.

“Oltre alle questioni personali – ha spiegato la Ballerani – ritengo che questa scelta di caricare oltremodo di lavoro un assessore, su materie anche lontane alle proprie specifiche competenze, porti ad un serio rischio di insuccesso con ripercussioni e danni soprattutto all’amministrazione e alla città”.

Una notizia che piazza un’altra pezza nella squadra di Di Girolamo e che indubbiamente porta a riflessioni. L’uscita di scena della Ballerani è stata ufficiliazzata dall’assessore in persona in una conferenza stampa alle 12.

“Sono convinta che – spiega Ballerani – amministrare al meglio il bene pubblico, non possa essere assoggettato alle logiche della riduzione dei costi della politica. La politica dovrebbe saper scegliere i compartecipi solo in quanto capaci di dare un contributo all’azione amministrativa e non in base a risparmi dei costi quando questi risparmi rischiano di far cadere nell’improvvisazione”.

Se ne va così un altro membro della squadra Di Girolamo. Solo dieci giorni fa è stata la volta di altri 4 assessori: Riccardi, Armillei, Tedeschi e Andreani.

La Ballerani ha consegnato la lettera di rinuncia al protocollo dell’Ente. Il sindaco Leopoldo Di Girolamo ha deciso di trattenere le deleghe.

Nell’ultimo rimpasto a Cristhia Falchetti Ballerani erano stati assegnati gli affari generali, i servizi demografici e statistici, la semplificazione amministrativa, l’innovazione p.a., l’Ict,  la Smart City, la cultura e servizi culturali, Agenda urbana, Città del cinema,  commercio, l’artigianato, il marketing territoriale, le fiere.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*