Primi d'Italia

Caso di Juan, il figlio di Chiara e Laura, interviene il comune di Perugia

L'amministrazione comunale non ha potestà legislativa, è chiamata all'applicazione delle norme vigenti

Caso di Juan, il figlio di Chiara e Laura, interviene il comune di Perugia

Caso di Juan, il figlio di Chiara e Laura, interviene il comune di Perugia

PERUGIA – “La trascrizione di un atto di nascita di soggetto nato all’estero ed ivi registrato è contemplata dalla normativa vigente che non disciplina tuttavia le trascrizioni riguardanti figli di genitori dello stesso sesso. A tale proposito è stato richiesto un parere alla prefettura e l’atto di diniego espresso dagli ufficiali di stato civile si è conformato al predetto parere. Ciò posto, l’amministrazione comunale, che come noto, non ha potestà legislativa, è chiamata all’applicazione delle norme vigenti ed alle funzioni di stato civile, in forza della delega prefettizia, e rimane in attesa degli eventuali interventi del legislatore alla luce anche della recente pronuncia della Cassazione. Pronuncia, comunque, successiva rispetto all’atto di diniego”.

In sintesi: “Il Comune, dopo aver a lungo ascoltato il legale della coppia e dopo aver valutato tutti gli atti, ha interpellato la prefettura ai fini di un chiarimento da parte dell’organo di Governo”. “La richiesta – spiega l’assessore in materia Dramane Wagué – è di regola nei casi in cui è necessario approfondire l’interpretazione delle norme, poiché gli enti locali sono delegati semplicemente a eseguire e applicare le norme di Stato Civile”.

E Wagué aggiunge: “Le indicazioni della prefettura, a sua volta, sono state interpretate dall’avvocatura del Comune e da qui è stato detto no alla trascrizione, ma non c’è alcuna valutazione politica in tutto questo, non ci sono altri margini su cui agire se non quelli dettati dal rispetto delle norme”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*