Carabinieri, operazione largo raggio Perugia, 60 militari schierati sul territorio

Sono state segnalate alla Prefettura due persone per uso di droghe ed elevate 27 infrazioni per violazioni al codice della strada

Carabinieri, operazione largo raggio Perugia, 60 militari schierati sul territorio.

Nel pomeriggio di martedì 26 luglio 2016, i Carabinieri del Comando Provinciale di Perugia hanno pianificato ed eseguito un controllo straordinario del territorio del Comune di Perugia. È stata particolarmente “verificata” la situazione dell’ordine e la sicurezza pubblica dell’area Fontivegge/Stazione Ferroviaria/Piazza del Bacio nonché di Ponte Felcino e Ponte San Giovanni. Sono stati eseguiti diversi controlli alle autovetture in transito e, in particolare, sono state eseguite perquisizioni in alcune abitazioni ritenute “a rischio”, accertando la regolarità dei documenti in possesso da parte dei cittadini extracomunitari. In contemporanea, sono state controllate le principali vie di accesso alla città di Perugia (Piscille, San Faustino e Madonna Alta) e all’area di Pian di Massiano .

Per rendere ancora più incisiva l’efficacia del dispositivo, oltre al concorso delle articolazioni territoriali del Comando Provinciale Carabinieri di Perugia ovvero delle Aliquote Radiomobili e Stazioni delle Compagnie di Perugia, Città della Pieve, Assisi e Foligno, sono stati impiegati un elicottero AB 109 del 6° Raggruppamento Gruppo Volo di Pratica di Mare (Roma), una squadra della Compagnia di Intervento Operativo (C.I.O.) del 6° Battaglione Carabinieri Firenze e due Squadre Operative di Supporto (S.O.S.) dell’8° Reggimento Lazio, per un totale di circa 80 uomini e 20 automezzi.

Dette ultime unità costituiscono il nuovo dispositivo di contrasto antiterrorismo alla nuova minaccia rappresentata da nuclei di fuoco suicidi, pronti a colpire obiettivi civili e affollati così come è stato recentemente attuato a Parigi, Bruxelles e Nizza. Per la loro consistenza numerica, per la loro versatilità, per l’efficiente ed efficace equipaggiamento (scudi antiproiettile, specifica tutta da combattimento, giubbotto antiproiettile ed elmetto con piastre balistiche nonché radio portatili di ultima generazione), per gli elevati gradi di specializzazione e standard addestrativo sono in grado di ingaggiare e arginare i terroristi nella prima fase dell’azione in attesa dell’arrivo delle Forze Speciali. In atto – e verosimilmente per tutta la durata dell’Anno Giubilare della Misericordia, le Squadre di Supporto Operativo sono principalmente e quotidianamente impiegate nel Comune di Assisi presso le Basiliche di San Francesco e di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola, oltre che presso l’aeroporto di Perugia S.Egidio.

Il Colonnello Cosimo Fiore ha rappresentato la sua soddisfazione per il servizio svolto e i risultati conseguiti: controllati circa 50 veicoli e 180 persone di nazionalità italiana ed extra comunitaria; segnalati alla Prefettura di Perugia, quali assuntori di sostanze stupefacenti, n. 21 soggetti; contestate per violazioni al codice della strada, alcune delle quali ad opera di minorenni, n. 27 persone. Il Comandante Provinciale dei Carabinieri ha altresì sottolineato che tali servizi preventivi, d’intesa con l’Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza e le altre Forze di Polizia, mirano a far sentire maggiormente sicuri i cittadini e i turisti in questa splendida area geografica, soprattutto in questo particolare periodo storico. Oltre alla sicurezza reale, core business della diuturna attività svolta in primis da Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza, è infatti necessario attuare ogni iniziativa che miri ad aumentare anche la percezione stessa della sicurezza e concorrere quindi a migliorare la qualità della vita del cittadino.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*