Capobanda marocchino, 21 anni, spacciava e rapina, via dall’Italia

Furto al supermercato di Santa Maria, preso marocchino, si cerca il complice

Capobanda marocchino, 21 anni, spacciava e rapinava, via dall’Italia

E’ arrivato dal Marocco con la madre in Italia a 5 anni, per ricongiungersi al proprio padre che già lavorava e risiedeva regolarmente a Castiglion del Lago. Vi è cresciuto vivendo in famiglia e frequentando le scuole sino all’adolescenza. Ha modificato il suo stile di vita dopo i 16 anni quando, con gli amici più assidui, ha iniziato a commettere reati. Dal 2011 ad adesso si è macchiato di ben 18 reati, tra cui furti, spaccio di stupefacenti, associazione a delinquere e rapina. Ha lo stesso profilo criminale degli altri suoi assidui conoscenti con i quali ha formato una vera e propria “banda”: giovanissimi, inclini a delinquere, provenienti da genitori immigrati, incensurati e che vivono onestamente del loro lavoro.

I giovanissimi hanno tenuto molto impegnate le forze dell’ordine del Trasimeno che più volte li hanno arrestati e i relativi procedimenti penali sono già definiti con sentenze di condanna. Di recente l’Ufficio Immigrazione ha proceduto a rimpatriare due suoi amici “fedelissimi” che, in collaborazione con i Carabinieri di Città della Pieve , sono stati espulsi, pericolosità sociale e rimpatriati con scorta fino a destinazione. Non è stato possibile procedere alla sua espulsione perché ha lasciato Castiglione del Lago facendo perdere le sue tracce. Ma l’altro pomeriggio nel corso di un servizio di controllo del Territorio Straordinario è stato identificato dagli agenti del Reparto Prevenzione Crimine presso il Parco di Santa Giuliana; è stato condotto in Questura .

Ne è uscito l’indomani per la convalida della sua espulsione e per essere scortato, con poliziotti di Perugia a bordo dell’aereo fino a Casablanca. Nonostante che suo padre e sua madre vivano ancora qui lui dovrà rimanere in Marocco. I tre componenti della banda di giovanissimi che imperversavano nei comuni del Trasimeno sono adesso tutti rimpatriati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*