Boy-scout colpito da malore sul monte Cucco, salvato

Il paziente trasportato a Branca, non è in gravi condizioni

Boy-scout colpito da malore sul monte Cucco, salvato

Boy-scout colpito da malore sul monte Cucco, salvato. Brutta avventura e tanto spavento per un ragazzo di 14 anni residente nel comune di Gubbio, rimasto vittima sabato mattina intorno a mezzogiorno, come riferisce una nota dell’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, di un malore durante una escursione sul monte Cucco. Il giovane, che faceva parte di un gruppo di boy scout  in escursione da alcune ore, si è accasciato a terra in prossimità della grotta di S.Agnese lungo uno dei tanti sentieri del monte.

Vista la zona particolarmente impervia, la centrale del 118 regionale è stata costretta ad attivare l’elisoccorso, il cui personale medico ha subito provveduto a mettere in sicurezza il boy scout che aveva accusato un malore probabilmente per il caldo e l’affaticamento. Nel frattempo erano stati attivati anche gli operatori del soccorso alpino che hanno agevolato le operazioni di trasporto del ragazzo fino all’autoambulanza. Trasportato all’ospedale di Branca il giovane si è ripreso ed è probabile che dopo un breve periodo di osservazione possa essere dimesso. Dell’accaduto sono stati informati anche i carabinieri di Gubbio.

Giornate impegnative per i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Umbria (SASU), infatti da domenica 17 a oggi, sabato 23 luglio sono state sette le missioni di soccorso a cui il personale del SASU è stato chiamato ad intervenire. Cinque gli interventi di carattere sanitario di cui uno con decesso, quest’ultimo si tratta dell’intervento compiuto sul Monte Subasio per un Parapendeista precipitato. Gli altri si è trattato di interventi di soccorso nei confronti di escursionisti, con infortuni di poco conto come quello effettuato nei pressi di Castelluccio di Norcia domenica 17 per un’escursionista con una caviglia slogata. La signora è stata recuperata da un fuoristrada e portata all’autoambulanza. Due, sono state le chiamate per la ricerca di persone scomparse, sul Monte Tezio e a Scarzuola di Monte Gabbione.

Nel primo caso si trattava di una persona allontanata dal posto di residenza e poco dopo ritrovato lungo una stradina nei pressi di Migiana, nel secondo caso si trattava di una persona anziana che si era allontanata dal gruppo mentre effettuava una passeggiata. Fortunatamente tutti e due i casi, si sono risolti nel giro di poco tempo prima dell’arrivo delle squadre del SASU.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*