Botti e fuochi d’artificio a San Silvestro, ecco come utilizzarli, tutti gli accorgimenti VIDEO

I fuochi devono essere conservati in luoghi asciutti e non infiammabili

Botti e fuochi d'artificio a San Silvestro, ecco come utilizzarli, tutti gli accorgimenti

Botti e fuochi d’artificio a San Silvestro, ecco come utilizzarli, tutti gli accorgimenti PERUGIA – Un attimo di disattenzione o di euforia si può trasformare in un dramma. E’ quanto è stato detto oggi in una conferenza stampa sull’utilizzo di botti e fuochi d’artificio nella notte di San Silvestro. L’invito a un uso corretto è stato lanciato dall’ospedale di Perugia dai responsabili della struttura sanitaria, polizia, carabinieri e vigili del fuoco. Informazioni e raccomandazioni utili sono stati dati, affinché ci sia un uso corretto da parte della popolazione.

Dopo avere ricordato la sinergia con le forze di polizia e vigili del fuoco per la campagna di prevenzione e sensibilizzazione al corretto uso dei botti, durante la conferenza sono stati evidenziati i principali accorgimenti: i fuochi devono essere acquistati presso rivendite autorizzate, verificare che ci sia la marcatura CE per i fuochi e le note di istruzione in ordine di utilizzo. E’ importante, inoltre, sapere come utilizzarli. E’ vietata la vendita ambulante di fuochi d’artificio, ma soprattutto questi devo essere acquistati solo da maggiorenni.

Il sostituto commissario Roberto Rughetti ha spiegato quali posso essere venduti ai maggiorenni, quali possono essere utilizzati con cautela e il loro grado di pericolosità, ne ha elencati alcuni, dai petardi ai razzi o quelle meno pericolose come le stelline.

“Fare prevenzione a tutto raggio, stare attenti non solo nello sparo ma anche nella conservazione. I fuochi – ha detto Maurizio Fattorini funzionario dei Vigili del Fuoco – devono essere conservati in luoghi asciutti e non infiammabili. Occorre stare attenti alle forme di innesco e farli esplodere all’aperto e non verso e le abitazioni”. Il tenente Lucia Di Lio dell’Arma dei Carabinieri ha sottolineato l’attività di prevenzione a partire dalla fase della vendita per evitare le vendite illecite. I servizi preventivi – ha spiegato – devono servire per far sì che la festa si svolga senza incidenti nella tutela massima della salute”

Il trend per quanto riguarda gli incidenti – ha osservato Mario Capuzzi, il responsabile del 118 regionale del pronto soccorso – è confortante con una riduzione drastica negli ultimi tre anni, anche se è stato definito “molto preoccupante”. Il problema dei botti inesplosi nei giorni successivi Capodanno.

Emilio Duca, direttore generale dell’azienda ospedaliera di Perugia, dopo aver ringrazia il corpo della polizia, i carabinieri e vigili del fuoco per il lavoro svolto, ha lanciato un messaggio ai cittadini quella che deve essere una festa non si tramuti in una tragedia per delle superficialità.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*