Beve acido muriatico, grave commerciante di Città della Pieve

I medici si sono riservati la prognosi

Beve acido muriatico, grave commerciante di Città della Pieve. É ricoverato in gravi condizioni il gestore di un esercizio pubblico di Città della Pieve, trasportato in codice della massima gravità al Pronto Soccorso del Santa Maria della Misericordia per una grave forma di avvelenamento. Il fatto è avvenuto nel tardo pomeriggio di domenica 17 Luglio; le frammentarie informazioni raccolte dagli operatori della centrale regionale del 118, riferiscono l’ingestione di acido muriatico da parte dell’uomo, che è stato trovato a terra in gravi condizioni. Il commerciante, di 46 anni di età, si trovava all’interno dell’esercizio commerciale, chiuso al pubblico per la giornata festiva; i soccorritori, che ignorano le esatte modalità dell’accaduto, hanno immediatamente provveduto ad “intubare” l’uomo, che è stato trasportato nella sala emergenza dell’ospedale di Perugia. Sulla base delle prime notizie raccolte sul posto, sembra che l’acido muriatico si trovava all’interno di una bottiglia collocata sul bancone dove avviene la degustazione dei vini da parte dei clienti. Come riferisce una nota dell’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, in contatto con gli operatori del 118, ad effettuare la richiesta di soccorso è stata una donna, anche lei presente nel locale. La centrale operativa ha richiesto l’intervento dei Carabinieri che stanno svolgendo accertamenti. L’uomo viene costantemente monitorato nei parametri vitali; i medici si sono riservati la prognosi, ma intanto è stato allettato il centro anti-veleni di Milano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*