Attacco Istanbul: anche un umbro e la sua famiglia bloccati

Prigionieri per ore nell'area transiti. Diversi sono i passeggeri italiani, transitati all'aeroporto Ataturk di Istanbul dopo l'attentato di ieri sera

Attacco Istanbul: anche un umbro e la sua famiglia bloccati

Attacco Istanbul: anche un umbro e la sua famiglia bloccati. Prigionieri per ore nell’area transiti. Diversi sono i passeggeri italiani, transitati all’aeroporto Ataturk di Istanbul dopo l’attentato di ieri sera, giunti nel pomeriggio a Fiumicino con un volo di linea della Turkish Airlines. Tra di loro anche uno spellano Fabio Laurenti: “Con la mia famiglia – ha detto – sono arrivato a Istanbul dal Vietnam con 4 ore di ritardo. Saremmo poi dovuti partire questa mattina alle 7:30 e invece, con mia moglie incinta e cinque bambini piccoli, siamo stati costretti a bivaccare in aeroporto per 9 ore prima della chiamata all’imbarco per Roma. La situazione – aggiunge – era abbastanza calma ma ciò che ”stonava” e di cui tutti si lamentavano era soprattutto la mancanza di informazioni. Non c’era, peraltro, la possibilità di collegarsi ad internet. Era molto difficile capire cosa fosse successo. L’abbiamo saputo – ha concluso – dagli amici che ci hanno chiamato dall’Italia ma siamo stati noi a tranquillizzare loro”.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*