Assisi, appena uscito dal carcere rapina un bar, arrestato

L’uomo, un campano di 44 anni, si era reso responsabile di violenza, resistenza a Pubblico Ufficiale

Assisi, appena uscito dal carcere rapina un bar, arrestato. E’ proprio vero : “il lupo perde il pelo ma non il vizio”, o almeno non in questo caso. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Assisi lo avevano arrestato pochi mesi fa perché l’uomo, un campano di 44 anni, si era reso responsabile di violenza, resistenza a Pubblico Ufficiale e inosservanza delle prescrizioni impostegli con l’applicazione della Sorveglianza Speciale di P.S.; tuttavia, nuovamente in libertà da alcuni giorni, è tornato a delinquere per le strade della serafica città.

E anche l’altra sera non è andato tanto per il sottile allorquando si è presentato presso una delle strutture ricettive della zona e, venuto a tu per tu con il direttore dell’albergo, non ha esitato a ricorrere alle minacce, neanche tanto velate, al fine di ottenere la consegna di 200 euro in contanti. Appreso della chiamata fatta al 112 da parte del direttore, il malvivente riusciva a dileguarsi prima dell’arrivo dei militari della Radiomobile, i quali, sulla base della descrizione fatta loro dai numerosi testimoni ascoltati, che hanno assistito alla vicenda, non hanno tardato a realizzare che l’autore del reato era sicuramente da ricercare nella stessa persona arrestata pochi mesi prima.


Umbria Journal TVIl Tg a portata di click

Quando, poco dopo la mezzanotte sembrava essersi ristabilita la calma, il gestore di un bar di Santa Maria degli Angeli comunicava all’operatore di turno della Centrale Operativa di Assisi che un avventore, all’interno del bar, era intento a distruggere il locale.

I primi ad intervenire, subito dopo, sono stati gli stessi Carabinieri che svolgevano i primi accertamenti e riuscivano a rintracciare l’uomo ancora nei pressi del locale mentre minacciava il titolare poiché, a suo dire, non gli avrebbe voluto somministrare degli alcolici: il 44enne veniva immediatamente arrestato per rapina. Infatti dalla visione delle immagini dell’impianto di video sorveglianza installato all’interno del bar, i carabinieri del N.O.R.M. raccoglievano le necessarie conferme a quanto poco prima accaduto; le immagini non lasciavano scampo all’indagato, ripreso mentre sottraeva l’intero incasso della serata dal registratore di cassa del bar e, vistosi scoperto dalla commessa, la minaccia di ritorsioni. I militari, dopo aver ricostruito le due vicende hanno arrestato il soggetto indagato sia di estorsione che di e rapina. Lo stesso, a notte fonda, veniva tradotto presso il carcere di Capanne.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*