Arrestata romena in aeroporto, aveva commesso un reato nel 2005

Deve rispondere alla giustizia italiana del reato di estorsione aggravata, commessa a Bastia Umbra

Arrestata romena in aeroporto, aveva commesso un reato nel 2005

Ieri mattina i poliziotti in servizio in aeroporto stavano effettuando i controlli di Frontiera alla fila di passeggeri appena sbarcati da Londra e si sono trovati davanti ad una avvenente signora. Il controllo dei documenti in questi casi potrebbe essere una pura formalità perché la passeggera non aveva destato alcun sospetto: ma la comunicazione della banca dati è sorprendente. Al poliziotto lei risulta latitante da più di un anno per reati molto gravi. Dopo aver bloccato la donna e averla condotta in ufficio il poliziotto ha parlato con i propri superiori che, per evitare il ricorrente errore dello scambio di persona, hanno adottato tutte le cautele. L’hanno condotta in Questura, hanno preso le sue impronte e le hanno confrontate con quelle della persona da arrestare.

Per scrupolo hanno anche chiesto ai Carabinieri di Bastia Umbra, che ne avevano diramato le ricerche, se era corretto quanto risultava nei terminali: le risposte sono state univoche. Era così, dovevano arrestarla e condurla direttamente a Capanne. La donna è stata quindi arrestata, messa in contatto con il proprio legale e subito trasferita in carcere, due ore dopo il suo arrivo da Londra. E’ finita così, dopo più di un anno, la latitanza di L. S. , del ‘83, ROMENA. Deve rispondere alla giustizia italiana del reato di estorsione aggravata, commessa a Bastia Umbra nel 2005, in concorso con connazionali, per la quale nel 2015 è stato emesso un ordine di carcerazione per 3 anni e quattro mesi.

Arrestata romena

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*