Aprono le terme di Cerreto di Spoleto, gli Antichi Bagni di Triponzo

La riqualificazione è avvenuta grazie a fondi del terremoto del 1979 e del 1997

Aprono le terme di Cerreto di Spoleto, gli Antichi Bagni di Triponzo. Torna ad essere fruibile dopo oltre trent’anni di abbandono. E’ il complesso termale degli Antichi Bagni di Triponzo che vanta una storia secolare. La riqualificazione è avvenuta grazie a fondi del terremoto del 1979 e del 1997 e all’istituto del project financing, con l’apporto di capitali pubblici e privati.

Oggi l’inaugurazione e sabato 10 settembre l’apertura al pubblico delle Terme Cerreto di Spoleto – Antichi Bagni di Triponzo. Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, la Presidente dell’Assemblea legislativa, Donatella Porzi, il sindaco di Cerreto di Spoleto, Luciano Campana, l’impresa realizzatrice Arcos di Viterbo e i finanziatori. Il complesso termale degli Antichi Bagni di Triponzo si trova nella strada regionale 209 Valnerina km 50,400 – Cerreto di Spoleto.

Tre milioni e 200 mila euro, questo è il valore di tutta la struttura. “L’apertura delle terme – ha detto il sindaco di Cerreto di Spoleto, Luciano Campana – è un segno di speranza per il territorio della Valnerina, dopo il terremoto del 24 agosto. In questo momento di difficoltà, vogliamo dire che la vita in Valnerina va avanti e che noi continuiamo a lavorare per risolvere le problematiche emerse dopo il sisma, ma anche per promuovere lo sviluppo del territorio e del flusso turistico, che rappresenta una risorsa indispensabile per la crescita delle nostre aree”.

Il sindaco durante il suo discorso ha parlato dei numeri e dei finanziatori che hanno creduto in questo progetto. “Finalmente – ha detto il Campana – dopo tanto tempo oggi si inaugura questa struttura. Noi abbiamo iniziato questo percorso quasi 40 anni fa, siamo stati interessati da due sisma, quello del 1979 e 1997. Grazie al contributo della Regione Umbria che ha investito una consistente somma di denaro siamo alla conclusione di questo percorso”. Il primo cittadino ha poi ringraziato l’amministrazione comunale che lo ha preceduto: “Grazie alla caparbietà della signora Forte fu iniziato questo percorso che si è concluso con l’inaugurazione di oggi”. Il sindaco infine ha ringraziato l’impresa Arcos di Viterbo, i signori Modestia, perché anche loro hanno creduto in questa iniziativa. I signori Modestia hanno investito 866 mila euro  e con l’istituto del project financing insieme alla Regione dell’Umbria e al comune di Cerreto, ne ha acquisito circa il 30 per cento e il diritto di gestire questo complesso per 20 anni.

Catiuscia Marini (Presidente della Regione Umbria)
Catiuscia Marini (Presidente della Regione Umbria)

La presidente della Regione dell’Umbria, Catiuscia Marini, ha tenuto precisare come questo “sia molto importante, sia per il Comune di Cerreto di Spoleto, per tutta la Valnerina e anche per l’Umbria”. Gli antichi Bagni di Triponzo sono stati una tradizione anche storica. Il complesso termale risale all’800. “Qui – ha sottolineato la presidente – c’è stato un impegno straordinario della Regione Umbria dopo il terremoto del 1997, con due atti uno del 2007 e uno del 2012. La Regione Umbria ha sostenuto anche gli interventi di consolidamento, di conservazione e di recupero del dissesto idrogeologico che interessava quest’area. L’Umbria è pronta a ripartire con la tenacia e la determinazione che caratterizza la nostra gente, e in particolare il popolo della Valnerina”.

 

La struttura si sviluppa su un’area di circa cinque ettari, di proprietà del Comune di Cerreto di Spoleto, ed è costituita da un insieme di edifici per circa 1600 metri quadrati, situati in corrispondenza di sorgenti termali sulfuree che sgorgano alla temperatura di circa 30 gradi, con notevoli caratteristiche e qualità terapeutiche. I “Bagni di Triponzo” sono dotati di quattro vasche termali (tre interne e una esterna), docce termali, una zona trattamenti e un’area ipogea che unisce la cultura romana e araba per le terme. Sono presenti attività proprie dello stabilimento termale e un centro benessere con sauna, bagno turco, massoterapia e trattamenti estetici specialistici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*