Aggredisce nigeriana in gravidanza, arrestato rapinatore

Il giovane è stato arrestato per rapina e lesioni aggravate

Aggredisce nigeriana in gravidanza, arrestato rapinatore

Aggredisce nigeriana in gravidanza, arrestato rapinatore

La segnalazione al 113 di alcuni passanti che hanno soccorso  una giovane nigeriana vittima di una aggressione ieri all’ora di pranzo ha fatto arrivare in sirena le Volanti a Ponte San Giovanni. I poliziotti raccolte le prime informazioni, si sono messi subito alla ricerca del giovane che aveva aggredito una ragazza, fino a costringerla a scappare in lacrime e a rifugiarsi in una via limitrofa. Poco distante, nella zona industriale, individuavano un sospettato che corrispondeva nelle descrizioni all’aggressore. Lo hanno fermato, per un primo controllo, verificando che indossava una  canottiera strappata; lo conducevano quindi in Questura.  Nel pomeriggio, con l’aiuto di un interprete sono riusciti a raccogliere le dichiarazioni della ragazza, ripresasi forte stato di shock.

La giovane, 20enne nigeriana è attualmente assistita nell’ambito della protezione internazionale dei rifugiati e ospite di una struttura di Foligno. In mattinata era venuta a Perugia per conoscere alcuni profughi connazionali ospiti di una struttura di Ponte San Giovanni. Dopo che era uscita dall’appartamento veniva seguita per strada da un connazionale che le chiedeva insistentemente di consegnarle il telefono. All’iniziale diniego, l’uomo rispondeva alzando sempre più i toni e la colpiva con due forti pugni, nonostante la ragazza lo avesse avvertito che era in gravidanza.

Il ragazzo continuava a picchiarla fino a farla cadere rovinosamente a terra e le strappava il cellulare e quei pochi soldi che teneva, per poi darsi alla fuga.I poliziotti in effetti rinvenivano a seguito di perquisizione nella tasca destra dei pantaloni del sospettato il cellulare e il denaro che la ragazza riconosceva come proprio. Il giovane, anch’egli nigeriano, di appena vent’anni veniva arrestato per rapina e lesioni aggravate.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*