Ad Assisi il Papa pranza con i capi religiosi, ma anche con alcuni rifugiati

Il papa è con alcuni rifugiati accolti dalla Comunità di Sant'Egidio

Ad Assisi il Papa pranza con i capi religiosi, ma anche con alcuni rifugiati

Ad Assisi il Papa pranza con i capi religiosi, ma anche con alcuni rifugiati accolti dalla Comunità di Sant’Egidio. Alle 12 papa Francesco è entrato al Sacro Convento, dove pranzerà con i capi religiosi e le personalità, partecipanti all’incontro “Sete di pace”. Tra di loro anche 12 rifugiati provenienti da paesi in guerra, attualmente accolti dalla Comunità di Sant’Egidio.

Tra di loro Rasha, con la figlia Janin di sette anni, arrivate in Italia nello scorso febbraio con i corridoi umanitari di Sant’Egidio, Federazione delle Chiese Evangeliche e Tavola Valdese. Di origine palestinese, vivevano in un campo profughi alla periferia di Damasco fino alla fuga in Libano. Sono arrivati coi corridoi umanitari anche cinque cristiani siriani: sono cattolici assiri Fadi e Ruba, che col figlio undicenne Murkus, sono fuggiti da Hasake; di confessione armena sono Osep, Kevork e Tamar, che più tardi interverrà sul palco della cerimonia conclusiva, testimoniando sulla sofferenza della sua città, Aleppo.

Vengono dalla regione insanguinata da Boko Haram le nigeriane Paulina ed Evelyn; è fuggita dall’Eritrea Enes, mentre è originario del Mali il ventitreenne Alou, sopravvissuto a un terribile viaggio su un barcone dalla Libia alla Sicilia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*